Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Lucasfilm: nessuna Carrie Fisher digitale per l’Episodio IX di Star Wars

Immagine di copertina

È stata smentita la notizia secondo cui l'indimenticata principessa Leila morta il mese scorso sarebbe stata ricreata digitalmente

Nei giorni scorsi si era diffusa la notizia secondo cui Carrie Fisher, indimenticata principessa Leila della saga di Guerre Stellari scomparsa il 27 dicembre all’età di 60 anni, sarebbe stata (forse) ricreata digitalmente per comparire ancora nella saga.

Fisher aveva già partecipato all’Episodio VIII, nelle sale cinematografiche a fine anno, e sarebbe dovuta essere anche nell’Episodio IX, che uscirà nel 2019.

Lucasfilm, tuttavia ha categoricamente smentito la notizia: “Lucasfilm non ha alcuna intenzione di ricreare digitalmente la performance di Carrie Fisher” come principessa Leila.

“Era la nostra principessa, il nostro generale e soprattutto nostra amica. Siamo ancora profondamente addolorati per la sua perdita. Abbiamo cara la sua memoria e il suo lascito come principessa Leila e faremo di tutto per onorare tutto ciò che ha dato a Guerre Stellari”.

La pratica di ricreare digitalmente alcuni personaggi è stata già sfruttata, con reazioni diverse da parte del pubblico, per l’ultimo film dell’universo di Star Wars, Rogue One (uscito a fine 2016), in cui Peter Cushing, attore britannico che nel 1977 aveva interpretato il governatore Tarkin, è stato “riportato in vita” sullo schermo nonostante sia deceduto nel 1994.

È stato possibile grazie a un attore di corporatura simile sul quale gli addetti agli effetti speciali hanno “montato” la testa di Cushing, e ne hanno riprodotto la voce in base alle sue interpretazioni del passato.

Non è stato l’unica volta: anche la stessa Carrie Fisher, che all’epoca del primo film aveva 19 anni, è stata ricreata per una brevissima scena nel finale del film, in cui il suo volto è stato riportato al suo aspetto del 1977 aggiungendolo digitalmente al corpo di una controfigura.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale