Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Perché Londra ha vietato i fast food nel raggio di 400 metri dalle scuole

Immagine di copertina
Credit: Pixabay

La decisione è stata presa da Sadiq Khan, sindaco della capitale inglese, che ritiene che questa scelta potrebbe aiutare a gestire il grande problema dell'obesità infantile

Londra ha appena emanato un divieto che proibisce di aprire nuovi fast food nel raggio di 400 metri dalle scuole. La decisione è stata presa da Sadiq Khan, sindaco della capitale inglese, che ritiene che questa scelta potrebbe aiutare a gestire il grande problema dell’obesità infantile.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Un’alimentazione equilibrata può essere fondamentale nello sviluppo dei bambini, sia in termini cerebrali che di capacità motorie. Attualmente però quasi il 40 per cento dei bambini di Londra soffre di obesità o è in sovrappeso prima ancora di finire le scuole superiori: la percentuale maggiore di tutto il Regno Unito.

Negli Stati Uniti, invece, una famiglia su cinque consuma un pasto in un fast food almeno una volta a settimana. Molti ritengono che proprio questa normalizzazione del fast food sia una componente fondamentale dell’aumento dei tassi di obesità fra adulti e bambini in tutto il mondo.

Il divieto di Londra non avrà effetto sulle catene già presenti vicino alle scuole, il cui numero è molto alto. Secondo i dati, ad una distanza di cinque minuti a piedi dalle scuole della città ci sono infatti ben 15mila fast food, di cui cinquemila aperti solo negli ultimi dieci anni.

Il sindaco Khan ha dichiarato al magazine Evening Standard: “I ristoranti takeaway sono una parte importante della vita di Londra, ma bisogna assicurarsi che non incoraggino i nostri bambini a compiere scelte ‘povere’ in termini di cibo”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass