Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Libia, si dimette il vicepresidente del governo di Tripoli: “Al-Sarraj è controllato dalle milizie”

Immagine di copertina

Mentre è in corso l’operazione “Vulcano di rabbia”, la controffensiva del governo di unità nazionale della Libia contro la marcia su Tripoli delle truppe del maresciallo Khalifa Haftar, il presidente libico Fayez al-Sarraj perde un importantissimo collaboratore.

Secondo quanto riportato dai media libici, infatti, si è dimesso il vicepresidente del Consiglio presidenziale del governo di accordo nazionale, Ali al-Qatrani. L’ormai ex vicepresidente ha anche espresso il suo sostegno all’operazione dell’Esercito nazionale libico del generale Haftar su Tripoli.

“Il presidente al-Sarraj – avrebbe dichiarato al-Qatrani – è controllato dalle milizie e una risposta militare condurrà la Libia solo verso ulteriori sofferenze e divisioni”. Sembra infatti che il premier libico abbia deciso di allearsi con le milizie di Misurata al fine di respingere la minaccia dell’uomo forte della Cirenaica, che nei giorni scorsi ha spinto i suoi soldati verso la capitale.

Libia, Serraj accusa Macron: “Sostiene le milizie di Haftar contro Tripoli”

Si tratta di truppe di mercenari, finanziati anche da Turchia e Qatar, che rendono più improbabile un intervento della comunità internazionale a fianco del presidente riconosciuto, che arriverebbe solo in caso di guerra vera e propria.

“Attraverso l’incoraggiamento di queste milizie – sostiene ancora al-Qatrani – Sarraj ha violato l’accordo politico sulla Libia abusando dei privilegi concessi a lui come capo del Consiglio presidenziale”.

Intanto sale a 32 il bilancio delle vittime della controffensiva promossa dal governo di al-Sarraj contro Haftar. Da domenica 7 aprile, infatti, l’aviazione di Tripoli sta conducendo una serie di raid contro le basi controllate dal generale. Oltre ai morti, molti dei quali civili, ci sarebbero anche una cinquantina di feriti.

La controffensiva ha permesso alle forze di al-Sarraj di riconquistare l’aeroporto Mitiga di Tripoli. I combattenti del governo di accordo nazionale, infatti, hanno fatto sì che le truppe di Haftar si ritirassero dallo scalo.

In giornata, poi, è arrivata una nuova condanna degli Stati Uniti all’offensiva di Haftar su Tripoli. Il segretario di stato americano Mike Pompeo ha escluso infatti ogni intervento militare: “Questa campagna militare unilaterale contro Tripoli – ha sottolineato – mette in pericolo i civili e mina le prospettive di un futuro migliore per tutti i libici”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio