Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Libia, si dimette il vicepresidente del governo di Tripoli: “Al-Sarraj è controllato dalle milizie”

Immagine di copertina

Mentre è in corso l’operazione “Vulcano di rabbia”, la controffensiva del governo di unità nazionale della Libia contro la marcia su Tripoli delle truppe del maresciallo Khalifa Haftar, il presidente libico Fayez al-Sarraj perde un importantissimo collaboratore.

Secondo quanto riportato dai media libici, infatti, si è dimesso il vicepresidente del Consiglio presidenziale del governo di accordo nazionale, Ali al-Qatrani. L’ormai ex vicepresidente ha anche espresso il suo sostegno all’operazione dell’Esercito nazionale libico del generale Haftar su Tripoli.

“Il presidente al-Sarraj – avrebbe dichiarato al-Qatrani – è controllato dalle milizie e una risposta militare condurrà la Libia solo verso ulteriori sofferenze e divisioni”. Sembra infatti che il premier libico abbia deciso di allearsi con le milizie di Misurata al fine di respingere la minaccia dell’uomo forte della Cirenaica, che nei giorni scorsi ha spinto i suoi soldati verso la capitale.

Libia, Serraj accusa Macron: “Sostiene le milizie di Haftar contro Tripoli”

Si tratta di truppe di mercenari, finanziati anche da Turchia e Qatar, che rendono più improbabile un intervento della comunità internazionale a fianco del presidente riconosciuto, che arriverebbe solo in caso di guerra vera e propria.

“Attraverso l’incoraggiamento di queste milizie – sostiene ancora al-Qatrani – Sarraj ha violato l’accordo politico sulla Libia abusando dei privilegi concessi a lui come capo del Consiglio presidenziale”.

Intanto sale a 32 il bilancio delle vittime della controffensiva promossa dal governo di al-Sarraj contro Haftar. Da domenica 7 aprile, infatti, l’aviazione di Tripoli sta conducendo una serie di raid contro le basi controllate dal generale. Oltre ai morti, molti dei quali civili, ci sarebbero anche una cinquantina di feriti.

La controffensiva ha permesso alle forze di al-Sarraj di riconquistare l’aeroporto Mitiga di Tripoli. I combattenti del governo di accordo nazionale, infatti, hanno fatto sì che le truppe di Haftar si ritirassero dallo scalo.

In giornata, poi, è arrivata una nuova condanna degli Stati Uniti all’offensiva di Haftar su Tripoli. Il segretario di stato americano Mike Pompeo ha escluso infatti ogni intervento militare: “Questa campagna militare unilaterale contro Tripoli – ha sottolineato – mette in pericolo i civili e mina le prospettive di un futuro migliore per tutti i libici”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce