Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Libia, attacco kamikaze al ministero degli Esteri: almeno sei morti, tra cui un diplomatico

Immagine di copertina

Un diplomatico libico, il direttore del dipartimento per le relazioni islamiche Ibrahim al-Shaebi, ha perso la vita in un attacco kamikaze avvenuto, la mattina del 25 dicembre, contro l’edificio del ministro degli Esteri a Tripoli, in Libia. Nel palazzo del ministero avrebbero perso la vita altri due civili.

Tra le vittime si contano anche gli attentatori: uno si sarebbe fatto esplodere e l’altro sarebbe stato ucciso dalle forze di sicurezza. Il terzo, che era disarmato e “indossava solo un giubbotto antiproiettile”, è stato ucciso dalle forze di sicurezza esterne.

Tra le persone che hanno perso la vita, anche Abdulrahman Mazoughi, portavoce delle Brigate rivoluzionarie di Tripoli, una delle milizie più potenti della capitale.

In una dichiarazione, il ministero degli Esteri ha parlato di un “attacco suicida” da parte di “elementi terroristici” e ha elogiato la “professionalità” dei servizi di sicurezza che “hanno limitato il numero delle vittime”.

Si sospetta che l’attacco sia opera di una cellula dell’Isis formata da militanti dell’Africa sub-sahariana, come era già avvenuto per l’attacco condotto a settembre contro la sede dell’ente petrolifero libico (National oil corporation).

La ricostruzione. Un’autobomba è esplosa all’esterno dell’edificio del ministero, situato su Al Shat Road, a un chilometro dall’ambasciata italiana a Tripoli. L’assalto è avvenuto intorno alle 10 (le 9 in Italia).

Secondo quanto riferito dal portavoce delle forze speciali, Tarak al Dawass, un attentatore è entrato nell’edificio dove si è fatto esplodere al secondo piano. Un secondo assalitore è morto nel complesso del ministero dopo l’esplosione di una valigia che stava trasportando. Il terzo, che era disarmato e “indossava solo un giubbotto antiproiettile”, è stato ucciso dalle forze di sicurezza esterne.

Il ministero fa capo al Governo di unità nazionale libico di Fayez al-Serraj, il premier che appena domenica scorsa aveva ricevuto a Tripoli il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

Notizia in aggiornamento

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”