Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Gli concedono la libertà vigilata: lui aggredisce e massacra la figlia di un anno

Immagine di copertina
Devan A. Ellsworth

A Norwich, stato di New York, in Usa, un uomo di 28 anni, Devan A. Ellsworth, ha ucciso la figlia di un anno e mezzo dopo essere stato messo in libertà vigilata per alcuni reati legati al consumo e allo spaccio di droga.

Ellsworth ha aggredito la figlia ferendola gravemente alla testa.

Subito arrestato, inizialmente l’uomo doveva rispondere dell’accusa di lesioni gravissime. Dopo alcune ore, però, la piccola è deceduta, e ora il 28enne è accusato di omicidio volontario.

Ellsworth, nonostante i reati commessi in passato e l’uso frequente di droghe, si era guadagnato la fiducia degli assistenti sociali. Per questo, dopo alcuni consulti, era stato deciso di concedergli la libertà vigilata, una scelta che si è rivelata esiziale.

Sono stati dei vicini di casa, dopo l’aggressione, a chiamare i medici e la polizia. La bambina è stata trasportata in ospedale per un intervento d’urgenza, ma le lesioni alla testa erano gravissime e per lei non c’è stato nulla da fare.

Non è ancora del tutto chiaro cosa abbia spinto Ellsworth a commettere questo folle gesto. Di sicuro le sue condizioni mentali erano da tempo instabili e l’uomo era un tossicodipendente.

Il tema della libertà vigilata è da sempre estremamente delicato: sono infatti frequenti i casi di detenuti che, una volta ottenuto questo beneficio, commettono nuovi crimini.

In Italia suscitò enormi polemiche la vicenda di Angelo Izzo, il mostro del Circeo che nel 2004 ottenne la semilibertà e uccise due donne (madre e figlia) a Ferrazzano, in provincia di Campobasso.

La decisione di concedere la semilibertà a Izzo divenne oggetto di scontro tra i tribunali di sorveglianza di Palermo e Campobasso, che si accusarono reciprocamente.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Esteri / Omicidio Regeni, l’impertinenza egiziana: “Non c’è motivo per iniziare un processo”
Esteri / Un bisonte e un paio d'occhiali da sole: così sottovoce Biden torna a trattare con Putin
Esteri / “Forza Italia”: Patrick Zaki scrive un bigliettino per gli azzurri dal carcere egiziano
Esteri / Hong Kong, blitz della polizia negli uffici del giornale pro-democrazia: 5 arresti
Esteri / Biden regala a Putin un bisonte di cristallo: ecco cosa simboleggia
Esteri / Violentata in una casa vacanze, 29enne risarcita con 7 milioni da Airbnb
Esteri / Abusati, picchiati, derubati: quei minori stranieri respinti illegalmente alla frontiera del Nord Italia