Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Proteste in Libano: il premier Hariri non si dimette ma apre a elezioni anticipate

Immagine di copertina

Il primo ministro prova a calmare la piazza con un piano di riforme e la promessa di un ritorno alle urne in tempi brevi, ma ai manifestanti non basta

Proteste in Libano: il premier Hariri non si dimette ma apre a elezioni anticipate

Dopo quattro giorni di proteste contro il carovita e la corruzione, il premier del Libano Hariri ha affermato che non si dimette, ma ha aperto alla possibilità di andare a elezioni anticipate.

Le dichiarazioni del primo ministro libanese arrivano quattro giorni dopo l’inizio della rivolta, che ha preso il via in seguito alla decisione del governo di tassare le telefonate fatte con WhatsApp, Facebook Messenger e FaceTime.

Il Libano vuole tassare le telefonate su Whatsapp: disordini e caos nel paese

Il tentativo dell’esecutivo, infatti, era quello di raccogliere soldi per affrontare la grave crisi fiscale, che sta attanagliando il paese.

La legge sulle chiamata su WhatsApp è stata successivamente ritirata, ma le proteste sono continuate senza sosta. Nella giornata di oggi, lunedì 21 ottobre, così, il premier Hariri ha annunciato una serie di misure fiscali, volte a calmare le protese, che prevedono, tra le altre cose, il taglio dello stipendio dei politici del 50 per cento.

Il Libano taglia gli stipendi dei politici del 50 per cento per calmare le proteste

Presentando il pacchetto di riforme, infatti, Hariri si è detto solidale con le decine di migliaia di manifestanti in piazza da cinque giorni, assicurando, inoltre, che le riforme economiche decise oggi vanno incontro alle richieste popolari.

Il premier, poi, ha confermato che non si dimette, ma ha aggiunto: “Non chiedo ai manifestanti di fermare le proteste. E se vogliono elezioni legislative anticipate, sarò a favore”.

Tuttavia, le promesse di Hariri non bastano ai cittadini. “Rimaniamo in piazza fino a quando tutto il sistema politico non si dimette, non bastano queste riforme e non bastano le dimissioni del governo” è il pensiero più diffuso tra i manifestanti che da giorni affollano il centro di Beirut e di altre città del Libano.

“Joker” sta diventando realtà: il capitalismo è una fabbrica di poveri e il mondo ha iniziato a ribellarsi
Ti potrebbe interessare
Esteri / Twitter cancella 1,5 miliardi di profili ed Elton John lascia il social: “Mi rattrista la disinformazione che fa”
Esteri / Putin: “Raggiungere un accordo sull’Ucraina è inevitabile”
Esteri / Usa-Russia, oggi vertice a Istanbul dopo lo scambio di prigionieri. Il Cremlino: “Le relazioni non sono migliorate”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Twitter cancella 1,5 miliardi di profili ed Elton John lascia il social: “Mi rattrista la disinformazione che fa”
Esteri / Putin: “Raggiungere un accordo sull’Ucraina è inevitabile”
Esteri / Usa-Russia, oggi vertice a Istanbul dopo lo scambio di prigionieri. Il Cremlino: “Le relazioni non sono migliorate”
Esteri / Corruzione dal Qatar: fermati quattro italiani tra cui l’ex deputato Pd Panzeri. Indagata pure la vicepresidente del Parlamento Ue
Esteri / Putin: “L’Occidente usa il popolo ucraino come carne da macello. Kiev è su un percorso suicida“
Esteri / Fenomeno Corea: ecco perché i fan del pop sudcoreano stanno dilagando anche in Occidente
Esteri / Cina: ecco come funzionerà il nuovo sistema di credito sociale
Esteri / Italia, Giappone e Regno Unito sviluppano un nuovo aereo da guerra: sarà più potente degli F-35
Esteri / Proteste in Iran, la denuncia dei medici: “Le donne vengono colpite al volto, al seno e ai genitali”
Esteri / L’Europa si appresta a varare le regole sull’idrogeno verde: ecco perché le lobby sono già in agitazione