Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La lettera di 18 super-miliardari ai democratici Usa: “Tassateci, noi siamo ricchi”

Immagine di copertina

Lettera Miliardari Usa | Super-Ricchi | Appello ai candidati democratici

LETTERA MILIARDARI USA – “Tassateci, noi siamo ricchi”. È l’inconsueto appello che, con una lettera pubblicata online, un gruppo di 18 miliardari Usa ha deciso di inviare alla politica, ai candidati democratici alla Casa Bianca. A firmare il messaggio sono stati 18 super-ricchi, fra i quali il filantropo George Soros, Chris Hughes, uno dei cofondatori di Facebook, la regista Abigail Disney, nipote del cofondatore della Disney, e Liesel Simmons, della famiglia proprietaria della catena di hotel Hyatt.

Nella lettera si chiede di procedere proprio con una tassa sui ricchi: un’imposta che rafforzerebbe, dicono i miliardari nel loro appello, la “libertà e la democrazia americana”, che è “patriottica”.

Lettera miliardari Usa ai democratici: “Tassateci, siamo super-ricchi”

Secondo una recente analisi della Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, negli ultimi 30 anni il patrimonio dell’uno per cento degli americani è cresciuto di 21mila miliardi, mentre quello del cinquanta per cento dei meno abbienti è crollato di 900 miliardi.

> Le notizie di TPI sugli Stati Uniti

“Tassate noi che siamo ricchi”, è dunque il messaggio contenuto nella lettera. “Chiediamo – hanno scritto i miliardari – una moderata tassazione sul benessere per i più ricchi, che rappresentano l’uno per cento della popolazione. I dollari delle future tasse dovrebbero arrivare dalle nostre dichiarazioni dei redditi, non da quelli della classe media e con i redditi più bassi”.

L’appello è rivolto a tutti i candidati presidenziali, tra cui la senatrice Elizabet Warren che ha proposto una tassa ai ricchi con più di 50 milioni in asset, inclusi opere d’arte, auto di lusso, yacht e titoli. La “tassa ai super ricchi”, secondo Warren, porterebbe un gettito di duemila e 750 miliardi di dollari nei prossimi dieci anni. Già nel 2011 il miliardario Warren Buffet aveva denunciato come la tassazione sui suoi redditi fosse più bassa rispetto a quelle delle venti persone che lavoravano alle sue dirette dipendenze.

Ti potrebbe interessare
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Ti potrebbe interessare
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa