Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

L’Ungheria vuole limitare i finanziamenti alle Ong che promuovono la democrazia nel paese

Il provvedimento punta a limitare le ingerenze straniere nel paese. Tra i destinatari della misura c'è l'Open Society finanziata da George Soros

Di TPI
Pubblicato il 7 Mar. 2017 alle 13:10 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 18:15
0
Immagine di copertina

Il governo ungherese ha deciso di introdurre una serie di limitazioni da imporre alle organizzazioni non governative che promuovono la democrazia nel paese, soprattutto quelle finanziate dall’estero.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il testo del provvedimento non è stato reso pubblico, ma prevederà l’obbligo per le organizzazioni di dichiarare quanti dei loro fondi di finanziamento arrivano filantropi stranieri. Ufficialmente, il governo ritiene questa misura come un modo per arginare l’ingerenza straniera negli affari interni. Chi si oppone alla legge la vede come un’ulteriore restrizione alla libertà in un paese in cui il partito al potere controlla già gran parte dei mezzi di informazione.  

“I valori europei sono al palo a Budapest. Lo stato di diritto e gli standard democratici così come la libertà di associazione e la possibilità per le ong di lavorare dovrebbe essere difesa in Ungheria”, ha detto Goran Buldioski, direttore della Open Society Initiative per l’Europa.

Tra i principali finanziatori dell’Open Society c’è George Soros, l’imprenditore miliardario di origini ungheresi naturalizzato statunitense. “Ho cominciato a finanziare i dissidenti in quei paesi che furono sotto il regime comunista nel 1980 e hanno aiutato lo sviluppo delle organizzazioni della società civile all’interno dell’ex Unione sovietica”, ha detto Soros a Politico. Tradizionalmente gli Stati Uniti hanno sempre dimostrato sostegno a questo tipo di ong. Ultimamente Trump si è espresso a favore di una politica più isolazionista.

Alcune delle organizzazioni oggetto della misura si sono già allineate alle richieste del governo, ma per il portavoce Zoltán Kovács quanto fatto non è sufficiente.

“I rapporti finanziari non garantiscono trasparenza totale dato che spesso le reali fonti di finanziamento rimangono nascoste”, ha detto Kovacs. Anche il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha spesso criticato l’Open Society e altre organizzazioni sostenute dall’estero.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.