Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le riforme di Papa Francesco

Immagine di copertina

Il nuovo Papa ha nominato otto consiglieri per riformare la costituzione della Curia romana

A un mese dalla sua elezione si cominciano a intravedere le conseguenze pratiche della spinta riformatrice di Papa Francesco. Il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, ha reso nota la nomina di otto consiglieri che assisteranno il pontefice nel riformare la costituzione della Curia romana, il “governo” della Chiesa di Roma.

La riforma della Curia era in cima alle preoccupazioni esternate dai cardinali non italiani durante le congregazioni precedenti il conclave. È significativo che non sia stato nominato alcun membro della Curia stessa, e inoltre c’è solo un cardinale italiano, Giuseppe Bertello, governatore della Città del Vaticano con un passato nel servizio diplomatico della Santa Sede.

Gli altri membri sono Francisco Javier Ossa, arcivescovo emerito di Santiago del Cile, Oswald Gracias, arcivescovo di Bombay, Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco, Laurent Monsengwo Pasinya, arcivescovo di Kinshasa, Georg Pell, arcivescovo di Sydney, Sean O’Malley, arcivescovo di Boston e Oscar Maradiaga, arcivescovo di Tegucigalpa e coordinatore dell’organo. Come scrive il Guardian, Maradiaga ha una personalità spiccata: parla sei lingue, suona il sassofono e il pianoforte ed è a guida della Caritas.

La nomina è stata vista come una rottura radicale dai rituali e dalle procedure tipiche del potere vaticano, soprattutto durante gli inizi di un pontificato. Il tentativo di riforma della Curia romana, spesso accusata di eccessivo accentramento di potere, è stato addirittura definito sulle pagine del Corriere dallo storico Alberto Melloni il gesto più significativo nella storia della Chiesa degli ultimi 10 secoli. L’ultima riforma risale al 1988, quando Giovanni Paolo II promulgò la Costituzione apostolica Pastor Bonus, che divideva in cinque gruppi i dicasteri (Segreteria di Stato della Santa Sede, Congregazioni, Tribunali ecclesiastici, Pontifici Consigli e Uffici della Curia romana.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri