Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Le riforme di Papa Francesco

Immagine di copertina

Il nuovo Papa ha nominato otto consiglieri per riformare la costituzione della Curia romana

A un mese dalla sua elezione si cominciano a intravedere le conseguenze pratiche della spinta riformatrice di Papa Francesco. Il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, ha reso nota la nomina di otto consiglieri che assisteranno il pontefice nel riformare la costituzione della Curia romana, il “governo” della Chiesa di Roma.

La riforma della Curia era in cima alle preoccupazioni esternate dai cardinali non italiani durante le congregazioni precedenti il conclave. È significativo che non sia stato nominato alcun membro della Curia stessa, e inoltre c’è solo un cardinale italiano, Giuseppe Bertello, governatore della Città del Vaticano con un passato nel servizio diplomatico della Santa Sede.

Gli altri membri sono Francisco Javier Ossa, arcivescovo emerito di Santiago del Cile, Oswald Gracias, arcivescovo di Bombay, Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco, Laurent Monsengwo Pasinya, arcivescovo di Kinshasa, Georg Pell, arcivescovo di Sydney, Sean O’Malley, arcivescovo di Boston e Oscar Maradiaga, arcivescovo di Tegucigalpa e coordinatore dell’organo. Come scrive il Guardian, Maradiaga ha una personalità spiccata: parla sei lingue, suona il sassofono e il pianoforte ed è a guida della Caritas.

La nomina è stata vista come una rottura radicale dai rituali e dalle procedure tipiche del potere vaticano, soprattutto durante gli inizi di un pontificato. Il tentativo di riforma della Curia romana, spesso accusata di eccessivo accentramento di potere, è stato addirittura definito sulle pagine del Corriere dallo storico Alberto Melloni il gesto più significativo nella storia della Chiesa degli ultimi 10 secoli. L’ultima riforma risale al 1988, quando Giovanni Paolo II promulgò la Costituzione apostolica Pastor Bonus, che divideva in cinque gruppi i dicasteri (Segreteria di Stato della Santa Sede, Congregazioni, Tribunali ecclesiastici, Pontifici Consigli e Uffici della Curia romana.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Pallone “spia” cinese diventa un caso: il segretario di Stato Usa Blinken rinvia il viaggio a Pechino
Esteri / Irlanda, l’etichetta sul vino “nuoce alla salute” arriverà in 2-3 mesi
Esteri / Voleva uccidere la regina Elisabetta, si dichiara colpevole di tradimento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Pallone “spia” cinese diventa un caso: il segretario di Stato Usa Blinken rinvia il viaggio a Pechino
Esteri / Irlanda, l’etichetta sul vino “nuoce alla salute” arriverà in 2-3 mesi
Esteri / Voleva uccidere la regina Elisabetta, si dichiara colpevole di tradimento
Esteri / È morto lo stilista spagnolo Paco Rabanne: aveva 88 anni
Esteri / Putin e la velata minaccia nucleare: “Chi pensa di vincere contro di noi si sbaglia. Non useremo solo mezzi blindati”
Esteri / Ucraina, nascondeva un milione di dollari nel divano letto: ex viceministro della Difesa indagato
Esteri / Pallone spia cinese avvistato in spazio aereo Usa
Esteri / Ragazza di 18 anni trovata morta in un bosco: era scomparsa dopo aver litigato con un uomo
Esteri / Tel Aviv, genitori abbandonano neonato al check-in dell’aeroporto perché non avevano il suo biglietto
Esteri / Singapore, uomo fa causa a una donna perché non vuole uscire con lui: “Mi ha rovinato la reputazione”