Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Aumenta il sostegno russo per il governo siriano

Immagine di copertina

La Russia, storica alleata del presidente siriano Assad, sta rafforzando la sua presenza militare in Siria

Il 9 settembre scorso è stata diffusa la notizia che la Russia stava inviando aiuti umanitari e militari in Siria per sostenere il regime di Bashar al-Assad. Fonti libanesi avevano reso noto all’agenzia Reuters dell’arrivo di circa un centinaio di militari russi presso l’aeroporto di Latakia, nell’ovest della Siria, per svolgere nel Paese una serie di interventi mirati a sostegno del regime.

Secondo gli Stati Uniti, la Russia avrebbe inviato due navi, aerei cargo e truppe da sbarco sulla costa siriana, l’area del Paese considerata la roccaforte di Assad, e starebbero preparando una pista di atterraggio in grado di ospitare aerei da guerra presso l’aeroporto di Latakia.

Fonti militari statunitense hanno espresso preoccupazione per l’invio di uomini e armi da parte dei russi in appoggio al regime di Assad, temendo che un maggior coinvolgimento di Mosca nel conflitto siriano possa contribuire a far crescere le violenze in una guerra che dal 2012 a oggi ha causato circa 250mila vittime e portato oltre 11 milioni di persone a lasciare il Paese.

Il governo di Assad è infatti impegnato nel conflitto sia contro l’Isis e gli islamisti del fronte al-Nusra, sia contro i ribelli siriani dell’Esercito libero siriano, che a loro volta godono del sostegno degli Stati Uniti.

“Aiuteremo la Siria a combattere contro l’Isis”, ha riferito lo scorso 11 settembre il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov.

Lo stesso Sergej Lavrov ha inoltre reso noto che il suo Paese ha inviato e continuerà a inviare aiuti e rifornimenti alla Siria. La Russia, infatti, è un’importante alleata di Assad, e non è una novità che vi sia una forte presenza militare di Mosca nel Paese.

Il porto di Tartus sulla costa siriana, è infatti la principale sede della flotta russa nel Mediterraneo ed è strategicamente importante per Mosca che l’area resti sotto il controllo di Assad, che negli ultimi mesi ha perso diverso terreno in favore dell’Isis e di diversi gruppi di ribelli.

Alcune immagini satellitari, diffuse dalla rivista statunitense Foreign Policy, mostrerebbero come la pista dell’aeroporto di Latakia, dove gli aerei russi sono atterrati, sia in fase di ampliamento, fatto che significherebbe un aumento della presenza e dell’impegno russo in Siria.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo