Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La prima libraia donna a Baghdad

Immagine di copertina

Si chiama Ruqaya Fawziya, ha 22 anni ed è la prima donna irachena a vendere libri ad Al-Mutanabbi Street, nel cuore di Baghdad

Al suo matrimonio, Ruqaya Fawziya portò in dote 500 libri. Aveva conosciuto suo marito durante l’iniziativa Sono un iracheno e leggo, tenutasi per la prima volta nel 2012, nel cuore di Baghdad, ad al-Mutanabbi StreetUna strada che da sempre le ha portato fortuna.


Ruqaya è la prima donna irachena a gestire una delle librerie-bancarella di al-Mutanabbi, una piccola via pedonale a est del fiume Tigris, nel centro della capitale irachena.

Sin dall’ottavo secolo, al-Mutanabbi è considerata il punto di ritrovo principale per gli intellettuali di Baghdad. L’intera via è fiancheggiata da librerie, fisse e mobili, caffè letterari e centri culturali dove si organizzano letture e spettacoli. 

Nel 2007 ci fu un attentato proprio su questa via. Ruqaya aveva 14 anni all’epoca. Un’autobomba esplose tra i libri, uccidendo 27 persone, ferendone un centinaio e distruggendo numerosi libri.

I nemici della cultura hanno però fallito nel loro tentativo di distruggere ciò che al-Mutanabbi rappresenta, perché la via è lentamente tornata a riempirsi di libri e librerie, anche grazie all’americano Beau Beausoleil.


Beau è un poeta e libraio californiano che ha creato l’iniziativa
Al-Mutanabbi Street starts here in solidarietà con i suoi colleghi iracheni. “Se fossi stato iracheno, anch’io avrei avuto un negozio là. Realizzare questo ha di colpo eliminato le distanze tra me e il popolo iracheno,” racconta nel documentario sull’iniziativa, che ha raccolto 260 pubblicazioni da 260 artisti di tutto il mondo, dando vita a una mostra itinerante.

Oggi, a otto anni di distanza, Al-Mutanabbi è sempre affollata. A volte è più facile raggiungerla in barca dal fiume Tigris che passare per il traffico del centro.


Ci sono libri per tutti i gusti, dal Corano ai libri per bambini, passando per i romanzi. Forse è per questo che Al-Mutanabbi attira persone di ogni tipo.

Nonostante il quotidiano via vai di persone, Ruqaya ha raccontato al sito americano Book Patrol – specializzato in libri – di non aver mai avuto problemi di alcun tipo pur essendo l’unica libraia donna. “Non ho mai subito molestie dalle persone che visitano Al-Mutanabbi Street,” ha detto. “A volte però la gente mi guarda con sorpresa perché non è abituata a vedere una donna che vende libri per strada”.

— Vedi anche le foto: Le librerie più belle del mondo

— Leggi anche: La prima autista donna di Nuova Delhi

— Leggi anche: La prima tassista donna del Afghanistan

(In basso il documentario “Al-Mutanabbi Street starts here”)


Ti potrebbe interessare
Esteri / Clima, ondata di caldo in Pakistan: 26 milioni di bambini non potranno andare a scuola per una settimana
Esteri / Ilaria Salis è uscita di prigione: è ai domiciliari a Budapest
Esteri / Gaza, la Protezione civile: "26 morti, tra cui 15 minori, in due raid dell'Idf a Gaza City". Almeno 35.800 morti e più di 80mila feriti dal 7 ottobre. L'ospedale di Al-Aqsa sospenderà i servizi per mancanza di carburante. Domani la Corte de L'Aja si pronuncerà sulla richiesta di porre fine all'offensiva a Rafah. Intanto Tel Aviv schiera nuove truppe: "Nessuno ci fermerà". Scambi di colpi tra Israele e Hezbollah al confine con il Libano
Ti potrebbe interessare
Esteri / Clima, ondata di caldo in Pakistan: 26 milioni di bambini non potranno andare a scuola per una settimana
Esteri / Ilaria Salis è uscita di prigione: è ai domiciliari a Budapest
Esteri / Gaza, la Protezione civile: "26 morti, tra cui 15 minori, in due raid dell'Idf a Gaza City". Almeno 35.800 morti e più di 80mila feriti dal 7 ottobre. L'ospedale di Al-Aqsa sospenderà i servizi per mancanza di carburante. Domani la Corte de L'Aja si pronuncerà sulla richiesta di porre fine all'offensiva a Rafah. Intanto Tel Aviv schiera nuove truppe: "Nessuno ci fermerà". Scambi di colpi tra Israele e Hezbollah al confine con il Libano
Esteri / Usa: la polizia di Los Angeles e la DEA aprono un’indagine sulla morte di Matthew Perry
Esteri / Papa Francesco: “No alle donne diacono e non si possono benedire le unioni omosessuali”
Esteri / Gaza: oltre 35.700 morti e quasi 80mila feriti dal 7 ottobre. Nessun servizio sanitario a Gaza City e nel nord della Striscia. Idf schierano un’altra brigata a Rafah. Norvegia, Spagna e Irlanda riconosceranno lo Stato di Palestina. Israele convoca gli ambasciatori. Critiche dalla Casa bianca. La Francia: "Non è il momento". Netanyahu: "Sarebbe uno Stato terrorista"
Esteri / Migliaia di migranti abbandonati nel deserto con i fondi dell’Ue: una nuova inchiesta svela il coinvolgimento di Bruxelles
Esteri / Turbolenza sul volo Londra-Singapore: un morto e 54 feriti
Esteri / A Gaza oltre 35.600 morti dal 7 ottobre. Qatar: "I colloqui per la tregua sono in stallo". Gallant: "Non riconosciamo l'autorità della Corte penale internazionale". Sequestrate attrezzature tv nella sede di AP a Sderot: "Fornivano immagini ad al-Jazeera". Iran, le presidenziali si terranno il 28 giugno
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas