Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La plastica negli oceani

Immagine di copertina

Per ogni abitante del nostro pianeta, ci sono 700 residui di materiale plastico che inquinano le acque mondiali

Cinque triliardi di frammenti di plastica, per un peso totale di 250mila tonnellate, inquinano gli oceani terrestri.

Con una popolazione mondiale che si aggira intorno ai 7.2 miliardi, ciò significherebbe che per ogni essere umano ci sono 700 residui plastici che galleggiano nelle acque del nostro pianeta.

Sono le stime effettuate dallo scienziato Marcus Eriksen, della Ong Five Gyres Institute – un’organizzazione no profit che si occupa di combattere l’inquinamento dell’ambiente causato dalla plastica – in collaborazione con altri 8 colleghi.

I risultati dello studio guidato da Eriksen sono stati pubblicati il 10 dicembre scorso dalla rivista scientifica PLOS One.

La ricerca è stata condotta sulla base di 24 spedizioni oceanografiche effettuate tra il 2007 e il 2013. Durante questo periodo, detriti plastici di diverso tipo sono stati avvistati in 1.571 siti.

I dati ottenuti dagli scienziati sono poi stati immessi in un modello virtuale che simula la produzione e la distribuzione di detriti, ottenendo una stima di 5 triliardi di frammenti di plastica che inquinano le acque su scala mondiale.

“Negli oceani di tutto il mondo stanno aumentando i rischi che derivano dall’immissione di detriti plastici che contengono materiali tossici nell’ecosistema marino”, ha dichiarato Eriksen.

Gli autori dello studio hanno anche fatto notare come le stime da loro prodotte rappresentino un valore minimo, e che la cifra diventerebbe molto più alta se venisse inclusa la plastica che viene ritrovata sulle spiagge o sui fondali marini.

Secondo il gruppo Plastics Europe, che rappresenta gli interessi delle aziende coinvolte nella produzione della plastica, ogni anno nel mondo vengono prodotti 288 milioni di tonnellate di questo materiale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”
Esteri / Pena di morte in Usa, boia non trova la vena dopo 8 tentativi: stop all’esecuzione