Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La fine della pena di morte?

Immagine di copertina

Secondo un rapporto di Amnesty la pena di morte sta lentamente scomparendo in tutto il mondo

La pena di morte sta scomparendo. Secondo l’ultimo rapporto di Amnesty International, l’uso della pena di morte è in calo in tutto il mondo. Si tratta di un processo lento, ma “le esecuzioni stanno diventando un ricordo del passato” ha dichiarato Salil Shetty, segretario generale di Amnesty.

Nella sua revisione annuale, l’Ong che vigila sul rispetto dei diritti umani ritiene che nel 2012 almeno 682 esecuzioni siano state effettuate in 21 Paesi – due in più rispetto al 2011 – ma che “i progressi verso la sua abolizione si sono visti in tutte le regioni del globo”.

Questi numeri non includono tuttavia i dati sulle esecuzioni in Cina, che Amnesty ha scelto di non divulgare perchè troppo sottostimati: il Paese mantiene infatti il segreto di Stato sul proprio uso della pena capitale, sebbene si ritenga che in Cina vengano giustiziate più persone ogni anno rispetto a tutto il resto del mondo messo insieme.

“La tendenza mondiale verso la fine dell’uso della pena di morte è reale. Solo uno ogni 10 Paesi svolge esecuzioni. I loro leader dovrebbero chiedersi perché stanno ancora applicando una punizione crudele e inumana che il resto del mondo sta lasciando alle spalle”.

I primi cinque Paesi per esecuzioni capitali nel 2012 sono stati la Cina, l’Iran (314), l’Iraq (129), l’Arabia Saudita (79) e gli Stati Uniti (43). Le modalità di esecuzione includono impiccagione, decapitazione, fucilazione, e l’iniezione letale. Amnesty afferma che i giustiziati sono stati puniti per una serie di reati che comprendono l’apostasia, la bestemmia, e l’adulterio, “atti che non devono essere considerati crimini”.

Nel rapporto si legge che la Lettonia è diventato il 97esimo Paese ad abolire la pena di morte, mentre il Connecticut è il 17esimo stato degli Stati Uniti a farlo. Benin e Mongolia hanno ratificato un trattato delle Nazioni Unite inteso ad abolire la pena di morte, mentre la maggioranza degli Stati membri ha aderito a un risoluzione delle Nazioni Unite per una moratoria sulle esecuzioni. Secondo Amnesty 140 nazioni hanno abolito la pena di morte per legge o nella pratica.

La Bielorussia continua ad essere l’unico Paese in Europa a effettuare esecuzioni, con almeno tre casi segnalati nel 2012.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”