Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La battaglia di Jeremy Corbyn contro le aziende che non pagano il salario minimo garantito

Immagine di copertina

Il segretario del partito laburista del Regno Unito vuole impedire la distribuzione dei dividendi tra gli azionisti delle grandi aziende che non pagano il salario minimo

Il segretario del partito laburista del Regno Unito Jeremy Corbyn ha dato inizio a una campagna politica volta a impedire la distribuzione dei dividendi tra gli azionisti delle grandi aziende che non pagano il salario minimo ai propri dipendenti.

Il leader laburista ha inoltre proposto di porre alcuni limiti agli stipendi dei dirigenti aziendali che sono troppo sproporzionati rispetto a quelli dei propri dipendenti.

Le proposte, che mostrano come Corbyn stia iniziando a muovere una campagna contro le disuguaglianze nel mondo del lavoro e, nello specifico, nelle grandi aziende, sono state lanciate durante una conferenza presso la Fabian Society – un’organizzazione socialista legata ai laburisti – a Londra.

Secondo Corbyn, infatti, i processi di crescita delle aziende negli ultimi anni hanno principalmente favorito le persone che si trovano al vertice di esse, dal momento che la disuguaglianza secondo il leader laburista è un danno per la crescita del paese.

Corbyn ha poi aggiunto  che il Regno Unito è secondo solo agli Stati Uniti nella disuguaglianza del reddito tra i paesi del G7.

Anche per questo, un’altra misura che il leader laburista ha intenzione di proporre è quella di bloccare la redistribuzione degli utili tra i soci delle aziende che non pagano uno stipendio minimo ai loro dipendenti.

L’opinione di Corbyn è che i proprietari delle aziende non possono arricchirsi grazie al lavoro sottopagato dei propri dipendenti, e attraverso questa misura punta a prevenire questo fenomeno.

Will Hutton, editorialista dell’Observer, ha consegnato nel marzo 2015 al governo una proposta in cui veniva chiesto alle imprese di pubblicare ogni anno come si fosse evoluto il rapporto tra la retribuzione dei dirigenti e la paga media nell’arco degli ultimi cinque anni. Questa proposta, tuttavia, non ha avuto alcun seguito.

Secondo il parere dell’High Pay Centre, nel 2015 lo stipendio medio dei capi delle aziende quotate nell’indice di borse FTSE 100 sarebbe stato pari a 150 volte lo stipendio medio dei loro dipendenti, mentre nel 1998 guadagnavano “solamente” 47 volte più della paga media dei loro dipendenti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco
Esteri / La Russia toglierà i talebani dalla lista delle organizzazioni terroristiche
Esteri / Papa Nuova Guinea: 670 morti e 2.000 sepolti vivi per una frana nella provincia di Enga
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco
Esteri / La Russia toglierà i talebani dalla lista delle organizzazioni terroristiche
Esteri / Papa Nuova Guinea: 670 morti e 2.000 sepolti vivi per una frana nella provincia di Enga
Esteri / Medvedev: “Se Usa attaccano obiettivi russi, sarà guerra mondiale"
Esteri / Gaza, raid israeliano su un campo per sfollati a Rafah: 45 morti. Idf: eliminati 2 comandanti di Hamas. Tel Aviv: "Civili uccisi da un incendio". Crosetto: "Ingiustificabile". Ue, Borrell accusa: "Ignorata la Corte de L'Aja". Qatar: "Complica i negoziati". Erdogan paragona Netanyahu a Hitler e Milosevic. Il premier: "tragico incidente". Lo Stato ebraico apre un'indagine militare. Sparatoria tra Idf e truppe egiziane al valico di Rafah: un morto. Oltre 36mila vittime e 81mila feriti dal 7 ottobre
Esteri / Russia-Ucraina, il segretario Nato Stoltenberg attacca la Cina: “Alimenta la guerra in Europa”
Esteri / Hamas lancia una raffica di razzi verso il centro di Israele. Tregua, i negoziati riprenderanno martedì in Egitto
Esteri / “Gli arabi vadano via, Gaza sarà nostra”: l’agghiacciante intervista alla madrina dei coloni israeliani Daniela Weiss
Esteri / Il segretario Nato Stoltenberg: “L’Ucraina dovrebbe poter usare le armi occidentali per colpire in Russia”
Esteri / Israele ignora la sentenza de L'Aja e insiste coi raid. Il ministro Ben-Gvir: "Corte antisemita"