Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:51
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’automobile al tempo della crisi

Immagine di copertina

L’analisi dei “big data” sulla congestione dei grandi centri urbani può essere un indicatore economico?

Il Paese più congestionato dal traffico? Il Belgio. La città dove gli automobilisti perdono più tempo al volante? Milano. Questi sono i dati pubblicati da Inrix, un sito che da sette anni colleziona big data sul traffico dei principali conglomerati urbani e delle principali arterie stradali dell’Europa e del Nord America.

S&D

L’indagine è un monitoraggio periodico dei dati real time del traffico nelle principali città europee e americane. Inrix calcola il tempo medio impiegato per completare un dato tratto di strada durante le ore di punta e quelle più tranquille. I dati emersi da queste rilevazioni vengono raccolti dalle principali strade di una città e poi elaborati con pesi matematici per produrre un indice di congestione del traffico e del tempo che ogni automobilista perde mediamente al volante ogni giorno.

Oggi l’Italia si piazza quarta fra i Paesi più congestionati, ma guida la classifica delle nazioni dove il traffico è maggiormente aumentato negli ultimi dodici mesi (+56 per cento). Se scendiamo poi nel dettaglio, emerge come la città che ha visto il maggiore incremento del traffico sia stata Genova (+97 per cento), seguita da Cagliari, Napoli e Torino.

La classifica delle città più congestionate è guidata da Milano, seguita da Roma e Firenze. Al quarto posto troviamo Cremona che batte a sorpresa Napoli.

Inrix ha poi confrontato questi dati sul traffico con gli indicatori economici per cercare una correlazione fra l’utilizzo della macchina e la crisi. In Europa ed America il traffico per la prima volta da due anni sta aumentando nuovamente, anche se con differenze sostanziali fra Paesi.

Il dato che emerge è come le economie in profonda crisi (Portogallo, Spagna e alcuni stati degli USA) vedano ancora un calo del traffico, mentre quelle ancora solide o comunque in ripresa (Regno Unito, Svizzera e le città più dinamiche del Nord America) siano interessate da un aumento.

L’eccezione è ancora una volta l’Italia: nonostante indicatori macroeconomici ancora deludenti, il traffico aumenta nel nostro Paese. Anche qui però i dati dettagliati possono darci qualche indicazione in più: delle dieci città più congestionate in Italia solo due sono del sud.

Possiamo dunque vedere un trend di crescita del traffico dove l’economia italiana se la passa “meno peggio”. I dati nostrani rimangono comunque molto alti, segnale che la macchina rimane una priorità per italiani anche in periodi di ristrettezze economiche.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Israele, media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini