Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’ex vescovo Krzysztof Charamsa accusa la Chiesa di violenze contro i gay

Immagine di copertina

L'alto prelato che aveva fatto coming out e annunciato di avere una relazione con un uomo ha diffuso la lettera che aveva inviato a Papa Francesco

Dopo aver ammesso pubblicamente la propria omosessualità e aver dichiarato, a inizio ottobre, di avere una relazione con un uomo, monsignor Krzysztof Charamsa ha inviato una lettera al Papa in cui accusa la Chiesa di rendere la vita di milioni di fedeli gay un inferno.

Charamsa, officiale della Congregazione per la dottrina della fede e secondo segretario della Commissione teologica internazionale, aveva fatto coming out proprio alla vigilia dell’apertura dei lavori del Sinodo pontificio sulla famiglia.

Dopo qualche giorno aveva spiegato che la scelta della data non era una coincidenza, ma un modo per portare l’incontro in Vaticano a concentrarsi anche sul tema dell’omosessualità.

Il 28 di ottobre, a lavori sinodali conclusi, Charamsa è tornato a parlare denunciando l’ipocrisia della Chiesa, che lo ha allontanato dalle sue cariche.

La lettera sarebbe stata scritta a Papa Francesco lo stesso giorno dell’annuncio della propria omosessualità ai media e Krzysztof Charamsa ne avrebbe ora fornito una copia alla Bbc.

Nella missiva al Papa, l’alto prelato ha spiegato che dopo un lungo e accurato periodo di riflessione aveva deciso di prendere le distanze dalle posizioni della Chiesa contro omosessuali, lesbiche, transessuali, bisessuali e intersessuali, che considerava violente, e invitava i suoi ex colleghi a fare lo stesso.

Charamsa ha tuttavia riconosciuto l’apertura di Bergoglio verso gli omosessuali e nella sua lettera lo ha ringraziato per i gesti e le parole che secondo lui hanno ammorbidito la posizione ecclesiastica ufficiale sui gay.

Nonostante questo, ha condannato la continua violenza perpetrata contro la comunità gay, ricordando inoltre che nel 2005 Papa Benedetto XVI firmò un documento che proibiva a chiunque avesse tendenze omosessuali di diventare prete.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Il Donbass sarà di nuovo ucraino”. Mosca conferma conquista di Lyman
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Il Donbass sarà di nuovo ucraino”. Mosca conferma conquista di Lyman
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini