Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Kosovo, parlamentari lanciano lacrimogeni per bloccare una votazione: il video

Immagine di copertina

L'assemblea era riunita per ratificare un accordo di demarcazione dei confini con il Montenegro. L'opposizione ha fatto ostruzionismo con un gesto clamoroso

Alcuni lacrimogeni sono stati lanciati nel parlamento del Kosovo da esponenti dell’opposizione, nel tentativo di fermare un voto su un accordo di demarcazione dei confini con il Montenegro.

Il partito del Movimento di autodeterminazione ha usato tre bombolette lacrimogene nell’edificio dell’Assemblea, costringendo tutti i politici a lasciare la sala. Ci si aspettava che il parlamento  votasse, con la maggioranza dei due terzi, per ratificare un accordo inizialmente siglato nel 2015.

Il partito di opposizione sostiene che l’accordo costringerebbe il Kosovo a cedere 20mila acri del suo territorio al Montenegro, anche se gli esperti contestano queste stime.

L’ambasciatore statunitense in Kosovo, Greg Delawie, ha condannato il gesto. “La violenza come strumento di azione politica non può trovare spazio in Kosovo. Esorto i parlamentari a riconvocare l’assemblea e a convocare il voto oggi stesso”.

 

Nataliya Apostolova, l’ambasciatrice dell’Unione europea, ha dichiarato su Twitter: “Inorridita dal rilascio di gas lacrimogeni nell’assemblea del Kosovo! Scioccata dal fatto che i membri di un parlamento in Europa ricorrano a tattiche pericolose che fanno arretrare il Kosovo. Invito tutti i parlamentari e tutte le parti a tornare nell’Assemblea per sconfiggere pratiche inaccettabili che vanno contro la società democratica e il futuro del popolo del Kosovo”

L’accordo costituisce una condizione preliminare stabilita dall’Ue per dare ai kosovari la possibilità di viaggiare liberamente all’interno dello spazio Schengen, senza necessità di visti. Il Montenegro ha già approvato l’accordo.

Il Kosovo ha dichiarato l’indipendenza dalla Serbia nel 2008 – sebbene l’indipendenza stessa non sia riconosciuta da Belgrado – e spera di entrare nell’Unione Europea nel giro di alcuni anni.

Ecco il video del clamoroso lancio di lacrimogeni nel parlamento del Kosovo:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: solo mio incontro con Putin può finire la guerra. Lavrov: legami con la Cina sempre più forti
Esteri / Fa 8.000 chilometri per raggiungere una ragazza conosciuta su Tinder
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky a Davos: "Stop totale a commercio con la Russia". 007 ucraini: "Putin sfuggito a un attentato due mesi fa". Ergastolo per primo soldato russo a processo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: solo mio incontro con Putin può finire la guerra. Lavrov: legami con la Cina sempre più forti
Esteri / Fa 8.000 chilometri per raggiungere una ragazza conosciuta su Tinder
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky a Davos: "Stop totale a commercio con la Russia". 007 ucraini: "Putin sfuggito a un attentato due mesi fa". Ergastolo per primo soldato russo a processo
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Esteri / Australia, i laburisti vincono le elezioni
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni