Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Kirghizistan, primo ministro si dimette dopo proteste di massa: annullato il risultato delle elezioni

Di Anna Ditta
Pubblicato il 6 Ott. 2020 alle 18:49 Aggiornato il 7 Ott. 2020 alle 17:04
77
Immagine di copertina
Sostenitori dell'opposizione a Biskek, capitale del Kirghizistan, il 5 ottobre 2020. EPA/IGOR KOVALENKO

Il premier kirghiso, Kubatbek Boronov, si è dimesso dopo le proteste di massa scoppiate nella capitale Biškek e in altre città a seguito delle contestate elezioni parlamentari che si sono tenute domenica scorsa nella ex Repubblica sovietica, il cui risultato è stato annullato dalla commissione elettorale centrale del Kirghizistan.

Come nuovo primo ministro è stato nominato Sadyr Japarov, ex parlamentare d’opposizione scarcerato dai manifestanti anti-governativi. Lo ha annunciato il nuovo presidente del Parlamento, Myktybek Abdyldaev, come riporta l’agenzia russa Ria Novosti. La decisione di annullare l’esito del voto, secondo quanto ha spiegato la presidente della commissione Nurzhan Shaildabekova all’agenzia Interfax, è stata presa per “evitare tensioni” nel Paese.

I risultati del voto in Kirghizistan avevano assegnato la maggioranza a due partiti vicini al presidente filo-russo Sooronbai Jeenbekov, ma l’opposizione aveva denunciato voto di scambio e altre violazioni. Nella notte i sostenitori dell’opposizione kirghisa hanno occupato i palazzi governativi, liberato l’ex presidente Almazbek Atambayev (che era stato condannato a 11 anni e 2 mesi di carcere per corruzione) e chiesto nuove elezioni. Negli scontri con la polizia, che ha usato cannoni d’acqua e lacrimogeni, almeno 590 persone sono rimaste ferite e un ragazzo di 20 anni è morto.

I leader dell’opposizione kirghisa avevano chiesto all’attuale parlamento di nominare un nuovo governo, come ha annunciato in conferenza stampa, l’ex premier Sapar Isakov. “Dobbiamo operare nel quadro della legalità e per questo chiediamo al Parlamento in carica di riunirsi e appoggiare una nuova formazione di governo”, ha spiegato Isakov.

L’opposizione ha istituito un Consiglio di coordinamento per ripristinare la legalità, per stabilizzare la situazione nel Paese dopo i violenti scontri tra polizia e manifestanti che contestano le elezioni. A far parte del Consiglio sono entrati rappresentanti del Partito socialdemocratico, delle formazioni Respublika, Ata Meken (Patria) e Butun Kyrgyzstan (Kyrghizistan Unito), del partito liberale Bir Bol e di Zamandash, tutti concordi sulla necessità di tenere nuove elezioni ma solo “dopo la nomina di un nuovo governo, l’allineamento alla Costituzione e negoziati con i partner politici”.

Prima della dichiarazione della commissione, il presidente Jeenbekov, aveva accusato “alcune forze politiche” di tentare di “prendere il potere illegalmente” nel paese e aveva esortato l’opposizione a interrompere le proteste. “Siamo ovviamente preoccupati per tutto questo”, ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, “e speriamo che tutte le forze politiche trovino la forza per restare nell’ambito della costituzionalità e raggiungano rapidamente una soluzione alla situazione”.

Leggi anche: Kirghizistan, una cantante è stata minacciata di morte per un video in cui appare in reggiseno

77
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.