Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Omicidio Khashoggi, Riad chiede la pena di morte per 5 persone: “Il principe bin Salman non c’entra”

Immagine di copertina
Il giornalista ucciso Jamal Khashoggi e il principe ereditario saudita Mohammed Bin Salman

Gli imputati sono 11: secondo la procura generale saudita, il giornalista è stato ucciso con un'iniezione di droga dopo un litigio. Il ministro degli Esteri turco: "Spiegazioni insufficienti"

La procura generale dell’Arabia Saudita ha incriminato 11 persone per l’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, ucciso il 2 ottobre 2018 nel consolato del regno arabo a Istanbul. Per 5 di queste 11 persone, ritenute essere esecutrici materiali dell’uccisione, è stata chiesta la condanna a morte.

Durante una conferenza stampa a Riad, un portavoce del procuratore generale del regno, Sheikh Saud bin Abdullah al-Muajab, ha detto che Khashoggi è stato ucciso “dopo un litigio” che ha portato a una colluttazione. Il giornalista sarebbe poi stato legato e assassinato “con l’iniezione di una dose di narcotico”.

Secondo quanto riferito dalla procura generale, una squadra era stata inviata a Istanbul per riportare Khashoggi nel regno per ordine dell’ex vice capo dell’intelligence e di un ex consigliere saudita, Ahmed Al Assiri. Ai membri di questa squadra era stato ordinato di uccidere il giornalista in caso quest’ultimo non avesse accettato di tornare in Arabia Saudita.

Gli imputati avrebbero inizialmente fornito alle autorità un rapporto falso sulla vicenda. Il corpo del giornalista sarebbe stato distrutto dopo l’uccisione e portato via dal consolato.

Le autorità di Riad hanno negato che nell’omicidio sia implicato il principe ereditario, Mohammed bin Salman.

La procura generale saudita ha poi chiesto alla Turchia di firmare un accordo speciale di cooperazione riguardante l’inchiesta sull’assassinio. L’obiettivo di questo “meccanismo specifico” è di fornire ad Ankara i risultati dell’indagine e ottenere dagli investigatori turchi “le informazioni pertinenti” in loro possesso.

Riad si è invece opposta al coinvolgimento di rappresentanti della comunità internazionale nell’inchiesta saudita.

I rapporti con le autorità turche tuttavia restano difficili. La spiegazione  fornita da Riad sull’omicidio di Khashoggi è ritenuta “insufficiente” dal ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, che ha insistito sul carattere “premeditato” dell’assassinio del reporter. “Riteniamo tutti questi passi positivi ma insufficienti”, ha affermato il ministro in un discorso in tv. “Vogliamo sapere dove si trova il corpo del giornalista”.

Il ministro turco ha anche ribadito la richiesta di conoscere “i veri mandanti” dell’omicidio e ha lanciato un invito a evitare “tentativi di insabbiare il caso”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Julian Assange, conclusa l’udienza finale: i giudici rinviano il verdetto sull’appello contro la procedura di estradizione
Esteri / Ilaria Salis incontra il deputato Ciani nel carcere di Budapest: “Condizioni migliori dopo il clamore in Italia”
Esteri / “Navalny ucciso con un colpo al cuore”: l’ipotesi del Times
Ti potrebbe interessare
Esteri / Julian Assange, conclusa l’udienza finale: i giudici rinviano il verdetto sull’appello contro la procedura di estradizione
Esteri / Ilaria Salis incontra il deputato Ciani nel carcere di Budapest: “Condizioni migliori dopo il clamore in Italia”
Esteri / “Navalny ucciso con un colpo al cuore”: l’ipotesi del Times
Esteri / Gaza, il principe William: “Troppi morti, basta guerra”
Esteri / Usa all'Aia: "L'attacco del 7 ottobre dimostra esigenze di sicurezza di Israele". Knesset vota contro creazione "unilaterale" Stato palestinese
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Esteri / Putin regala un’auto di lusso a Kim Jong-Un in segno di “amicizia”
Esteri / Julian Assange, udienza decisiva: l'ultimo appello contro l'estradizione negli Usa