Covid ultime 24h
casi +17.455
deceduti +192
tamponi +257.024
terapie intensive +15

Il Kenya non può chiudere il campo rifugiati più grande al mondo

La decisione è stata presa dal giudice dell'Alta Corte keniana, ma il governo annuncia che farà ricorso. Dadaab ospita circa 260mila profughi somali

Di TPI
Pubblicato il 9 Feb. 2017 alle 13:20 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 22:49
0
Immagine di copertina

L’Alta corte del Kenya ha stabilito che Nairobi non può chiudere Dadaab, il campo profughi più grande del mondo, e costringere 260mila somali a rimpatriare. Il governo keniano ha reso noto che farà appello contro la decisione. 

Secondo il giudice John Mativo, chiamato a esprimersi sulla questione, il ministro della Sicurezza interna ha abusato del suo potere nell’ordinare la chiusura del campo. Sia Amnesty International che la Commissione nazionale keniana per i diritti umani si erano opposte al provvedimento del governo, che sarebbe dovuto essere implementato entro maggio 2017. 

Mativo ha definito l’ordine discriminatorio, sottolineando che viola tanto la costituzione keniana quanto i trattati internazionali che proteggono i rifugiati. Inoltre, il giudice ha stabilito che il governo guidato dal presidente Uhuru Kenyatta non ha provato in modo convincente che i profughi somali possono tornare in patria in sicurezza. 

Alcuni funzionari keniani sostengono che il campo di Dadaab vicino al confine con la Somalia viene utilizzato dal gruppo terroristico al-Shabab per reclutare nuovi membri e come base per sferrare attacchi in Kenya. Tuttavia, i funzionari non hanno fornito prove al riguardo.

Dadaab è stato aperto nel 1991 per ospitare i profughi in fuga dal conflitto nella vicina Somalia. Alcuni di loro vivono nel campo da vent’anni.

— LEGGI ANCHE: La Somalia accusa il Kenya di voler scaricare i rifugiati oltre confine

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.