Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

In Kenya è legittima l’esplorazione anale per determinare l’orientamento sessuale

Immagine di copertina

Le associazioni per la difesa dei diritti umani protestano contro una pratica degradante, in una nazione dove l’omosessualità è ancora reato

Una corte di giustizia del Kenya ha stabilito che è legittima l’esplorazione anale per determinare l’orientamento sessuale di una persona, nonostante le proteste delle associazioni a difesa dei diritti umani che la definiscono una pratica degradante e una violazione della dignità umana e della privacy.

Una coppia di uomini aveva fatto ricorso contro questo tipo di esame, ordinato dal giudice con lo scopo di capire se l’uomo avesse avuto un rapporto sessuale anale, introducendo un tubo nel retto, una pratica considerata come tortura dalla legge internazionale, ma utilizzata comunemente in Kenya, in Egitto, in Tunisia, in Uganda e Turkmenistan.

I due uomini erano stati arrestati nel febbraio del 2015 in un bar vicino a Ukunda, una città sulla costa del Kenya, perché sospettati di avere avuto un rapporto omosessuale, considerato un crimine per la legge kenyota. Sono ancora indagati e, se ritenuti colpevoli, rischiano fino a quattordici anni di prigione.

Dura condanna della sentenza di Amnesty International: “Obbligare persone ad avere un esame anale senza il loro consenso è degradante, umiliante e contrario ai principi etici. È un’invasione della privacy e una violazione dei diritti dell’individuo. Inoltre questi esami sono ritenuti dalle Nazioni Unite inutili dal punto di vista medico perché non sono in grado di fornire una prova dell’omosessualità dell’imputato”, ha commentato il responsabile di Amnesty per l’Africa orientale, Muthoni Wanyeki.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gerusalemme, sparatoria nei pressi di una sinagoga: almeno 8 le vittime tra i fedeli
Esteri / Soldato russo scappa dalla caserma e arriva in Lettonia: concesso asilo politico
Esteri / Orrore negli Usa: 19enne viene investita e uccisa da un’auto dopo uno stupro di gruppo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gerusalemme, sparatoria nei pressi di una sinagoga: almeno 8 le vittime tra i fedeli
Esteri / Soldato russo scappa dalla caserma e arriva in Lettonia: concesso asilo politico
Esteri / Orrore negli Usa: 19enne viene investita e uccisa da un’auto dopo uno stupro di gruppo
Esteri / Tragedia in Australia, bimba di 5 anni muore soffocata mentre mangia una merendina: la madre prova invano a salvarla
Esteri / Ladro entra in un appartamento ma si ubriaca e sviene: il proprietario lo ritrova sdraiato sul pavimento
Esteri / Mosca: “Biden ha chiave per finire guerra in Ucraina ma non la usa”
Esteri / Regno Unito, 14enne inala gas del deodorante e muore per arresto cardiaco: trovata senza vita in cameretta
Esteri / Madre di 32 anni strangola i figli e poi tenta il suicidio: salvi lei e il bimbo di 7 mesi
Esteri / Denuncia anonima a scuola: “Quella mamma ha OnlyFans”. Tagliata fuori da tutte le attività scolastiche
Esteri / “Donna incinta condannata a morte”: continuano le proteste in Iran