Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 09:06
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Keir Starmer eletto leader del Partito laburista britannico

Immagine di copertina
Keir Starmer, neo-leader del Labour Party. Credit: EPA/ANDY RAIN

Keir Starmer è il nuovo leader del Partito laburista britannico. Il deputato 57enne, avvocato, ha vinto le elezioni interne al partito al primo turno raccogliendo più del 50 per cento dei voti e sconfiggendo le due avversarie, Rebecca Long-Bailey e Lisa Nandy. Starmer succede a Jeremy Corbyn, rispetto al quale è considerato più moderato e vicino a posizioni centriste. Le votazioni hanno coinvolto gli iscritti al partito, i sostenitori registrati e i membri di alcune organizzazioni affiliate al Labour Party. La vice di Starmer sarà Angela Rayner, ministra ombra dell’Istruzione.

Keir, deputato londinese dei distretti di Holborn e St Pancras, era considerato il favorito alla vigilia, avendo ricevuto il sostegno di più parlamentari e del mondo sindacale. Il suo principale obiettivo sarà risollevare il partito dopo la pesante sconfitta alle elezioni generali del dicembre 2019, che hanno spinto Corbyn a rassegnare le dimissioni. Il suo primo compito, però, sarà quello di fronteggiare l’emergenza Coronavirus: neo-segretario dei laburisti si è già detto pronto a sedersi intorno al tavolo col premier Boris Johnson e i migliori consulenti scientifici del governo la prossima settimana, per “lavorare insieme” sulla crisi.

Keir, che per tre anni è stato tra i più stretti collaboratori di Corbyn e responsabile della politica sulla Brexit del partito, si definisce un socialista e ha promesso di mantenere le politiche chiave dell’era Corbyn, tra cui la nazionalizzazione di ferrovie, posta e acqua pubblica. Il suo programma si articola in 10 punti, che poggiano su giustizia sociale, tutela dell’ambiente e dei beni comuni, diritti dei migranti e rafforzamento dei sindacati.

Leggi anche: Brexit, il padre di Boris Johnson ha fatto richiesta del passaporto francese per mantenere legami con l’Ue

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”
Esteri / Incendio in Spagna: migliaia di persone in fuga dalle fiamme vicino alla Costa del Sol