Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Keiko Fujimori ha vinto il primo turno delle elezioni presidenziali in Perù

Immagine di copertina

La candidata di destra e figlia dell'ex dittatore Alberto Fujimori non ha però ottenuto la maggioranza assoluta dei voti

Keiko Fujimori, figlia dell’ex presidente Alberto Fujimori in carica dal 1990 al 2000 e attualmente in carcere con l’accusa di corruzione e violazioni dei diritti umani, ha vinto il primo turno delle elezioni presidenziali, che si sono svolte domenica 10 aprile in Perù.

Sono stati quasi 23 milioni i peruviani chiamati alle urne per il rinnovo dei 130 seggi del parlamento unicamerale. 

Tuttavia, la candidata di destra non ha ottenuto la maggioranza schiacciante, attestandosi al di sotto del 50 per cento delle preferenze necessarie per ottenere la vittoria assoluta al primo turno di votazione. 

Con il 40 per cento dei seggi scrutinati finora, Fujimori ha ottenuto il 39 per cento dei consensi, mentre l’ex economista della Banca mondiale e candidato conservatore Pedro Pablo Kuczynski ha ottenuto il 24 per cento delle preferenze. La candidata di sinistra, Veronika Mendoza ha ottenuto per ora il 17 per cento dei consensi.

Nella giornata di lunedì si attendono i risultati finali e non si esclude che i due principali candidati, Fujimori e Kuczunski, possano sfidarsi al ballottaggio previsto per il 5 giugno prossimo. 

Nonostante il vantaggio ottenuto domenica, i sondaggi mostrano una crescente opposizione contro Keiko Fujimori. Nei giorni che hanno preceduto il voto, numerosi attivisti e semplici cittadini sono scesi in piazza in segno di protesta.

Il 5 aprile, in occasione dell’anniversario dell’autogolpe messo in atto nel 1992 dall’allora presidente in carica Alberto Fujimori, almeno 4mila persone sono scese per le strade di Lima chiedendo l’esclusione dalla corsa presidenziale di Keiko Fujimori. 

Ventiquattro anni fa, Fujimori padre con il supporto dell’esercito, sciolse il parlamento e assunse il controllo del potere giudiziario. Nel 1993 varò una nuova costituzione che permetteva anche la rielezione immediata del presidente. Ciò gli permise di rimanere al potere per dieci anni consecutivi, fino al 2000.

(Qui sotto alcuni manifestanti protestano contro la candidatura di Keiko Fujimori a Lima. Credit: Reuters)

Nella serata di domenica, la quarantenne Keiko ha incontrato i suoi sostenitori e la stampa in un hotel di Lima. Nel sottolineare la vittoria ottenuta al primo turno, la candidata ha ricordato di puntare a un secondo turno con “idee e proposte precise” in un paese che – ha precisato – “chiede un cambiamento”. 

LEGGI ANCHE: due donne si sfidano per la presidenza in Perù: chi sono e quali sono i loro programmi elettorali

Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”