Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Foto di Kate Middleton in topless: rivista condannata a pagare una maxi-multa

Immagine di copertina
Kate Middleton e il principe William

"Mi ha ricordato la vicenda di mia madre Diana, morta mentre fuggiva dai paparazzi", ha detto il principe William

Una rivista francese è stata condannata a pagare 45mila euro di multa, più altri 100mila di risarcimento, per aver pubblicato nel 2012 delle foto in topless di Kate Middleton.

La sentenza nel processo di appello ha così confermato quanto era stato stabilito dai giudici di primo grado nel settembre 2017.

Sei anni fa Closer, questo il nome della rivista, aveva pubblicato degli scatti della duchessa con indosso solo gli slip mentre era in vacanza col marito, il principe William, in un castello nella regione di Luberon, nel sud-est della Francia.

La multa di 45mila euro è a carico dell’editore, mentre i fotografi sono stati condannati a pagare 5mila euro di multe ciascuno, con una sanzione eventuale di altri 5mila euro che scatterà qualora dovessero commettere nuovamente un reato analogo.

Come riporta il Telegraph, il procuratore Marc Brisset-Foucault, che sosteneva l’accusa in questo processo, ha detto durante la sua requisitoria in tribunale che “c’è stata una violazione assolutamente inaccettabile, non solo della privacy di Kate, ma anche della sua dignità di donna”.

Gli avvocati della rivista avevano invece chiesto di annullare o perlomeno alleggerire la condanna, sostenendo che si trattasse di una punizione eccessiva per un caso di violazione della privacy.

Durante il primo processo, Closer aveva sostenuto la tesi che le immagini fossero di interesse pubblico e che trasmettessero una “immagine positiva” dei reali.

In una lettera letta in aula lo scorso maggio, William ha fatto presente come il caso lo avesse particolarmente scosso, poiché lo associava ai dolorosi ricordi dei paparazzi che perseguitavano sua madre, la principessa Diana.

Lady D, infatti,  morì in un incidente d’auto a Parigi nel 1997 mentre veniva inseguita dai fotografi.

 

Leggi anche: Kate Middleton e William non saranno più i duchi di Cambridge

Ti potrebbe interessare
Esteri / Panico a Shanghai: scatta l’ordine di quarantena all’Ikea, le persone fuggono dal negozio | VIDEO
Esteri / Myanmar, San Suu Kyi condannata ad altri sei anni carcere
Esteri / Egitto, incendio in una chiesa copta a Giza: almeno 41 i morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Panico a Shanghai: scatta l’ordine di quarantena all’Ikea, le persone fuggono dal negozio | VIDEO
Esteri / Myanmar, San Suu Kyi condannata ad altri sei anni carcere
Esteri / Egitto, incendio in una chiesa copta a Giza: almeno 41 i morti
Esteri / Taiwan, dopo Nancy Pelosi arriva a sorpresa sull’isola un’altra delegazione del Congresso Usa
Esteri / Washington, uomo si schianta con auto in fiamme contro il cancello di Capitol Hill
Esteri / Dopo Rushdie, minacce di morte anche alla scrittrice J.K. Rowling: “La prossima sarai tu”
Esteri / Gerusalemme, attacco contro un bus: almeno otto feriti
Esteri / Montenegro, spara sulla folla e fa 11 morti
Esteri / Trump indagato dall’Fbi per spionaggio: “Trovate 20 scatole di documenti top secret”
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York: “Rischia di perdere un occhio”