Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Usa, il ministro della Giustizia Jeff Sessions si è dimesso su richiesta di Donald Trump

Immagine di copertina
Credit: Afp

"Ringraziamo il ministro della Giustizia Jeff Sessions e gli auguriamo il meglio", ha scritto su Twitter il Tycoon

Il ministro della Giustizia Jeff Sessions si è dimesso su richiesta del presidente Donald Trump. Ha consegnato la sue dimissioni al capo dello staff della Casa Bianca, John Kelly.

“Ringraziamo il ministro della Giustizia Jeff Sessions e gli auguriamo il meglio”, ha scritto su Twitter il Tycoon, annunciando che sarà Matthew G. Whitaker, il capo di gabinetto al Dipartimento di Giustizia, a sostituire temporaneamente il ministro uscente. “Ringrazio Jeff Sessions per il suo lavoro”, ha aggiunto.

“Abbiamo agito con integrità portando avanti legalmente e aggressivamente l’agenda politica di questa amministrazione”, ha invece rivendicato Sessions.

La messa alla porta di Session, mandato via il giorno dopo le elezioni di metà mandato, non è una sorpresa. Il rapporto tra i due aveva conosciuto un momento di crisi  quando l’ormai ex ministro si era astenuto durante l’indagine sul Russiagate, che nel 2017 aveva delegato al suo voce Rod Rosenstein.

La scelta era stata dovuta al fatto che Sessions, durante la fase della sua nomina, aveva nascosto al Senato i suoi incontri con l’allora ambasciatore russo negli Stati Uniti durante la campagna elettorale di Trump, per cui lavorava come senatore.

Durante un comizio avvenuto il 5 novembre, l’inquilino della Casa Bianca aveva detto: “Le amministrazioni generalmente effettuano modifiche dopo le elezioni di midterm. La mia probabilmente rientrerà in questa categoria. Adoro il mio governo, per la maggior parte. Abbiamo persone di enorme talento”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraina, missili su palazzo a Odessa: salgono a 19 le vittime. Lavrov: "Nato sempre alla ricerca di un nemico esterno"
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera
Esteri / “Per noi è come una violenza sessuale”: a TPI parlano le donne americane a cui è stato tolto il diritto all’aborto
Esteri / Empowerment e agricoltura sostenibile: così le donne rivendicano i propri diritti nella Striscia di Gaza
Esteri / Putin: “Truppe Nato in Finlandia e Svezia? Risponderemo”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia annuncia il ritiro dall'Isola dei Serpenti. Biden: sosterremo Kiev fino alla fine
Esteri / Viaggio a Suwałki: “Il posto più pericoloso del mondo”. Il reportage di TPI