Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Stati Uniti, l’assassino di un 11enne confessa dopo 27 anni

Immagine di copertina

Jacob Wetterling era stato rapito, violentato e ucciso nel 1989. Il 53enne Danny Heinrich ha confessato il delitto solo ora

Il rapimento e l’uccisione di Jacob Wetterling, 11 anni, sono rimasti un caso irrisolto per 27 anni, fino a martedì 6 settembre 2016, quando il suo assassino ha finalmente confessato.

Jacob, suo fratello e un amico erano usciti in bicicletta a St. Joseph, nella campagna dello stato del Minnesota, quando l’undicenne era stato rapito da un uomo armato che indossava una maschera. Era l’ottobre del 1989.

Il bambino non venne mai ritrovato, e i suoi genitori divennero attivisti per i bambini scomparsi. Fondarono il Jacob Wetterling Resource Center per la prevenzione dello sfruttamento dei bambini e nel 1994 il Congresso passò un pacchetto di leggi intitolato al bambino che stabiliva la creazione di registri di molestatori.

Nel 2015 Danny Heinrich, 53 anni, era finito sotto la lente d’ingrandimento quando le autorità avevano rilevato delle similitudini tra il caso di Jacob e altri casi di aggressione sessuale avvenuti in Minnesota negli anni Ottanta e rimasti senza colpevole. 

(qui sotto una foto segnaletica di Danny Heinrich. L’articolo prosegue dopo l’immagine)

Durante una perquisizione della sua abitazione era stato trovato materiale pedopornografico e l’uomo era stato arrestato.

Heinrich ha accettato di patteggiare e la settimana scorsa ha condotto gli inquirenti ai resti del bambino ucciso quasi trent’anni fa.

In aula, ha raccontato di come rapì il bambino, costringendolo a salire in macchina mentre Jacob, spaventato, chiedeva cosa avesse fatto di male. Ha dichiarato di aver abusato di lui e di averlo infine ucciso sparandogli.

L’accusa ha chiesto una condanna a 20 anni di carcere per i crimini legati alla pedopornografia. La sentenza verrà emessa solo il 21 novembre. 

Nel frattempo, Heinrich ha confessato di aver abusato anche di un altro ragazzo appena dodicenne.

Per quanto riguarda la famiglia Wetterling, invece, adesso che i resti di Jacob sono stati trovati può cominciare il processo di guarigione da un dolore rimasto presenza costante per tre decenni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia-Ucraina, il segretario Nato Stoltenberg attacca la Cina: “Alimenta la guerra in Europa”
Esteri / Hamas lancia una raffica di razzi verso il centro di Israele. Tregua, i negoziati riprenderanno martedì in Egitto
Esteri / “Gli arabi vadano via, Gaza sarà nostra”: l’agghiacciante intervista alla madrina dei coloni israeliani Daniela Weiss
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia-Ucraina, il segretario Nato Stoltenberg attacca la Cina: “Alimenta la guerra in Europa”
Esteri / Hamas lancia una raffica di razzi verso il centro di Israele. Tregua, i negoziati riprenderanno martedì in Egitto
Esteri / “Gli arabi vadano via, Gaza sarà nostra”: l’agghiacciante intervista alla madrina dei coloni israeliani Daniela Weiss
Esteri / Il segretario Nato Stoltenberg: “L’Ucraina dovrebbe poter usare le armi occidentali per colpire in Russia”
Esteri / Israele ignora la sentenza de L'Aja e insiste coi raid. Il ministro Ben-Gvir: "Corte antisemita"
Esteri / Gb, Jeremy Corbyn espulso dai Laburisti: si candida come indipendente
Esteri / Gaza: la Corte de L'Aja ordina a Israele di fermare l’offensiva a Rafah. Cosa può succedere ora
Esteri / Attentato a Mosca: per la prima volta la Russia riconosce la responsabilità dell’Isis
Esteri / Può quest’uomo salvare l’Europa?
Esteri / “Solo il Mediterraneo può salvare questa Europa”