Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La vacanza diventa un incubo: italiano “prigioniero” in un ospedale in Thailandia

Immagine di copertina

Una vacanza in Thailandia. Il malore. Il ricovero in ospedale. È l’incubo che sta vivendo, in queste ore, Diego Iacuzzi, 53enne residente a Torreano di Cividale, ex dipendente della vecchia tipografia del Messaggero Veneto.

Tutto è iniziato con un’infezione intestinale e polmonare che lo ha costretto a ricorrere alle cure mediche di un ospedale di Bangkok. Le sue condizioni erano gravi.

E ora che non è più in pericolo di vita, anche se ancora intubato, non può tornare in Italia. “È cosciente” spiegano i familiari a UdineToday, “ma molto debilitato. Dovrebbe essere operato”.

Il problema, come ha raccontato al giornale locale la moglie del fratello Gianni, che lo ha raggiunto in Thailandia, è che “per portarlo nel nostro Paese ci vorrebbe una cifra che, a seconda di chi agisce e del quadro clinico, va dai 60 ai 100mila euro”.

Eppure, prima di partire, Iacuzzi aveva stipulato una polizza sanitaria che avrebbe dovuto coprire eventuali spese fino a 250mila euro.

“Ma al momento, secondo quanto ci ha fatto sapere la compagnia, la pratica è stata chiusa”. E ora? “Ho trovato un’associazione che sarebbe partita nei giorni scorsi proprio dalla capitale thailandese e avrebbe potuto imbarcarlo per 100mila euro come prezzo di favore, altrimenti l’importo standard, per quel tipo di trasporto, è addirittura di 170mila euro nel loro caso”.

Ora si attendono sviluppi. Qualora le condizioni di Iacuzzi migliorassero, “imbarcandolo su una carrozzina, con 6 o 7 mila euro ce la potremmo cavare”, spiega la cognata. Le autorità italiane in Thailandia, informate dai familiari, stanno seguendo la situazione.

Il problema, però, è “se i medici dovessero decidere di operarlo. Noi vorremmo farlo in Italia, ma non possiamo certo trovare 60-100 mila euro in pochi giorni”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Caricabatterie unico, arriva il sì definitivo del parlamento europeo: entro il 2024 l’obbligo per i device portatili
Esteri / Fondi comuni, parità di condizioni e trasparenza: l’Ue frena Berlino per lo scudo anti-rincari
Esteri / William e Harry, l’inedito retroscena sulla frattura definitiva nella Royal Family
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caricabatterie unico, arriva il sì definitivo del parlamento europeo: entro il 2024 l’obbligo per i device portatili
Esteri / Fondi comuni, parità di condizioni e trasparenza: l’Ue frena Berlino per lo scudo anti-rincari
Esteri / William e Harry, l’inedito retroscena sulla frattura definitiva nella Royal Family
Esteri / “Putin si prepara a un test nucleare al confine ucraino”, dice il Times
Esteri / Trump denuncia la Cnn per diffamazione: chiesti 475 milioni di dollari di risarcimento
Esteri / La falla di Nordstream 2 si è allargata, secondo la guardia costiera svedese
Esteri / Missile balistico nordcoreano sorvola il Giappone: cittadini invitati a ripararsi nei rifugi
Esteri / Quattro writer italiani arrestati in India: imbrattati due bus
Esteri / Italiana arrestata in Iran, si muove la Farnesina
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio