Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’italiana Valeria Solesin è morta negli attentati di Parigi

Immagine di copertina

Confermata la morte della ragazza veneta di 28 anni che si trovava nel teatro di Bataclan preso d'assalto venerdì 13 novembre

È stata confermata la morte della ragazza italiana Valeria Solesin, di 28 anni, negli attentati che hanno colpito Parigi il 13 novembre 2015. Il ministero degli Esteri italiano lo ha confermato.

L’annuncio arriva dal console generale italiano a Parigi Andrea Cavallari, che si trova all’istituto medico-legale di Place Mazas, dove sono arrivati anche gli amici della vittima per identificare il corpo della vittima e l’ambasciatore italiano a Parigi, Giandomenico Magliano.

Il padre Alberto Solesin, dalla casa di famiglia di San Marcuola, aveva già dichiarato nella mattina che “nostra figlia è morta, abbiamo la certezza, manca solo l’ufficialità per motivi burocratici”.

A rendere complicato il riconoscimento della ragazza è stata l’assenza dei documenti. 

La ragazza veneta di 28 anni si trovava al concerto rock della band Eagles of Death Metal nel teatro Bataclan quando gli attentatori sono entrati nell’edificio e hanno aperto il fuoco. Valeria si trovava con il suo ragazzo, la sorella del fidanzato e il ragazzo di quest’ultima.

Non appena aperto il fuoco, i ragazzi si sono divisi e Valeria ha perso la borsa con i documenti e il cellulare. I ragazzi sono poi stati liberati dalla polizia francese, ma della ragazza si erano perse le tracce.

La notizia della scomparsa è stata data nella notte tra venerdì 13 e sabato 14 novembre. Sin da subito gli amici e i colleghi di Valeria hanno lanciato appelli sui social media.

Il fidanzato, Andrea Ravagnani, aveva comunicato la sparizione ai genitori della vittima per telefono. Si sperava, però, che non fosse morta dato che non figurava nella lista delle 129 vittime.  

Valeria Solesin era dottoranda in demografia all’università della Sorbona di Parigi, dove viveva da quattro anni. Aveva studiato sociologia all’università di Trento ed è stata per anni volontaria di Emergency.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi