Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Israele Puffetta è stata censurata dalle locandine del film dei Puffi

Immagine di copertina

Un cartellone pubblicitario del nuovo film è stato censurato in una città israeliana per far sì che nell’immagine non comparisse l'unico personaggio femminile

Il film I puffi – Viaggio nella foresta segreta uscirà il 6 aprile in Italia e il 7 aprile negli Stati Uniti, ma il lungometraggio ispirato alla popolarissima serie a cartoni animati ha già fatto parlare di sé.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Un cartellone pubblicitario con la locandina del nuovo film è stato censurato in una città israeliana per far sì che nell’immagine non comparisse il personaggio di Puffetta, l’unica puffa donna, lasciando intatti gli altri tre puffi maschi presenti.

La contestata decisione è stata presa a Bnei Brak, un’enclave ultraortodossa poco distante da Tel Aviv, ed è dovuta al fatto che agli uomini ebrei ultraortodossi è vietato guardare immagini di donne, che vengono spesso escluse da giornali e pubblicità. 

Durante la copertura mediatica delle elezioni statunitensi dello scorso anno Hillary Clinton non è mai stata rappresentata visivamente, e nel 2015 Jennifer Lawrence era scomparsa dai poster per The Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte 2, sostituita dall’immagine di una corona di fuoco.

In questo caso però la decisione ha fatto ancora più discutere, visto che si tratta della prima volta in cui un personaggio femminile non umano, oltretutto in un film per bambini, è stato ritenuto inaccettabile.

Nella maggior parte delle città israeliane il poster è circolato liberamente con Puffetta, e la casa di distribuzione Film Forum, che distribuisce il film dei puffi in Israele, ha detto al quotidiano israeliano Haaretz che il cartellone censurato è una pratica standard in enclave ultra-ortodosse come Bnei Brak.

Queste le due immagini a confronto:

(Credit: Twitter)


— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”