Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

In Israele il parlamento sta discutendo una legge per legalizzare gli insediamenti dei coloni

Immagine di copertina

Il governo finora aveva considerato illegali gli insediamenti, anche se ne garantiva la protezione militare e il collegamento alla rete idrica ed elettrica

Il parlamento israeliano mercoledì 16 novembre ha dato l’approvazione preliminare alla controversa proposta di legge che permetterebbe di legalizzare retroattivamente gli insediamenti costruiti dai coloni israeliani su terreni privati appartenenti a cittadini palestinesi della Cisgiordania.

Gli Stati Uniti hanno definito la misura, promossa dai membri dell’estrema destra del governo israeliano guidato da Benjamin Netanyahu, “pericolosa” per il processo di pace, sostenendo che potrebbe dare il via alla legalizzazione di decine di insediamenti costruiti senza l’autorizzazione del governo di Gerusalemme.

Gli insediamenti in genere sono iniziati con alcuni pre-fabbricati installati sulle colline e abitati da alcuni coloni. Con il tempo hanno ricevuto la protezione dell’esercito israeliano e sono stati collegati alla rete idrica ed elettrica dalle autorità, che di fatto hanno ufficializzato l’occupazione, che in teoria resta illegale.

L’estrema destra di Casa ebraica e gli esponenti più a destra nel Likud, il partito nazionalista guidato da Netanyahu, hanno fatto pressione per l’approvazione della legge che tenta di aggirare l’ordine della Corte suprema di distruggere gli insediamenti ad Amona, dove 40 famiglie vivono in territorio palestinese.

Le autorità palestinesi hanno denunciato la proposta di legge come un ulteriore tentativo di Gerusalemme di annettere territori della Cisgiordania e della Striscia di Gaza. Gli insediamenti dei coloni sono visti dai palestinesi come una delle principali cause del fallimento dei colloqui di pace nel 2014.

La legge offre un compensazione monetaria o terreni alternativi ai reali proprietari palestinesi. Secondo i dati forniti da Naftali Bennet, il leader di Casa ebraica, la legge una volta approvata legalizzerebbe tra le duemila e le tremila case, in cui vivono circa 15mila cittadini israeliani.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Esteri / Servizio militare, Putin: “Pene più dure a chi diserta o si arrende”. L’Ue: favorire asilo per chi scappa
Esteri / Josep Borrell: “Prendiamo sul serio minaccia nucleare di Putin”
Esteri / Yvon Chouinard: storia del fondatore di Patagonia, che ha deciso di donare la sua azienda per il clima
Esteri / Ucraina, missile russo su Zaporizhzhia: un morto e 7 feriti
Esteri / Morti oltre 80 migranti al largo della Siria. Le famiglie sul barcone cercavano di raggiungere l'Europa
Esteri / Morte della Regina: “Harry furioso per l’esclusione di Meghan da Balmoral”
Esteri / Il Cremlino avverte Kiev: “Dopo il referendum, ogni attacco in Donbass sarà contro la Russia”