Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Israele, Netanyahu a Gantz: “Facciamo un governo di unità, incontriamoci oggi stesso”

Immagine di copertina

Israele, Netanyahu a Gantz: “Facciamo un governo di unità, incontriamoci oggi stesso”

In Israele è stallo sul governo, dopo le elezioni del 17 settembre, che hanno sancito un sostanziale testa a testa tra il partito di Netanyahu, Likud, e il partito di Benny Gantz, Blu e Bianco.

Gantz è in testa con  33 seggi, seguito dai 31 di Netanyahu. Al terzo posto si attesta la coalizione dei partiti arabi, con 13 seggi. In tutto i seggi della Knesset, il parlamento israeliano, sono 120, e quindi per governare occorrono almeno 61 seggi. Ma chi governerà? Chi riuscirà a formare un governo che goda della maggioranza dei deputati israeliani?

Dati i numeri, è un argomento spinoso. Già alcuni mesi fa, con le elezioni dell’8 aprile, il tentativo di formare un governo, da parte di Benyamin Netanyahu era andato in fumo e si era dovuto ricorrere a elezioni anticipate.

Dando uno sguardo ai numeri (qui i risultati partito per partito), si nota che il blocco dei partiti di centrodestra può contare su 55 seggi, mentre quello di sinistra 57. Il partito di Israel Beitenu di Avigdor Lieberman, che fece fallire l’esperienza di governo Netanyahu, tirandosi indietro, rappresenta l’ago della bilancia, con i suoi 8 seggi.

Nella mattinata del 19 settembre, arriva una dichiarazione di Netanyahu con cui fa appello a un governo di unità nazionale: “Durante la campagna elettorale ho fatto appello alla costituzione di un governo di destra. Ma con mio dispiacere il risultato delle elezioni dimostra che esso non è fattibile. Il popolo non ha scelto fra i due blocchi. Per cui non c’è altra scelta che dar vita ad un governo il più vasto possibile, che si poggi su tutte le forze a cui Israele sta a cuore”.

Netanyahu si rivolge direttamente a Benny Gantz: “Incontriamoci oggi stesso, a qualsiasi ora, per mettere in moto questo processo che è di importanza essenziale. Occorre fare tutto il possibile per evitare una terza tornata elettorale”.

Qui un riassunto dei seggi fatto dal quotidiano Haaretz:

Quello israeliano è un sistema elettorale proporzionale puro, che rende particolarmente difficile la governabilità. Il parlamento è molto frammentato e spesso per creare maggioranze si devono mettere insieme molti partiti.

Elezioni Israele 2019 chi ha vinto: i risultati, partito per partito. Testa a testa tra Netanyahu e Gantz
Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”