Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Israele chiude la Città vecchia di Gerusalemme ai palestinesi

Immagine di copertina

Il premier israeliano Netanyahu ha deciso di vietare l’accesso ai palestinesi non residenti in seguito a due attacchi in cui quattro ebrei hanno perso la vita

Per la prima volta da quando Israele ha occupato la Città vecchia di Gerusalemme nel 1967, nei quattro quartieri che la compongono è stato vietato l’accesso per due giorni ai palestinesi non residenti.

La decisione cade in corrispondenza della fase finale delle celebrazioni per la festività ebraica del Sukkot, che richiama molti credenti in visita nella città santa. 

A darne l’annuncio è stato il presidente israeliano Benjamin Netanyahu in seguito ai due attacchi in cui hanno perso la vita quattro israeliani a Gerusalemme e in Cisgiordania.

Dopo un vertice d’urgenza svoltosi domenica 4 ottobre in presenza degli ufficiali di sicurezza dell’esercito dello stato israeliano, il premier ha dichiarato che l’offensiva contro il terrorismo di stampo palestinese scatterà immediatamente. 

La prima decisione del governo di Netanyahu è stata quella di aumentare gli attacchi alle abitazioni in cui risiedono i terroristi. La sicurezza a Gerusalemme e in Cisgiordania è inoltre stata potenziata in seguito agli attacchi dei giorni scorsi, anche per garantire il normale svolgimento dei funerali delle ultime due vittime.

Una folla numerosa si è infatti riunita intorno alla Città vecchia per commemorare l’uccisione di ragazzo di 21 anni, Aharon Bennett, aggredito mentre passeggiava con sua moglie e suo figlio, e di un rabbino, che ha perso la vita mentre accorreva in soccorso del primo uomo, sabato 3 ottobre.

In Cisgiordania, due giorni prima, una famiglia israeliana era stata coinvolta in una sparatoria nel villaggio di Beit Furik, nel nord del West Bank, mentre si trovava nella sua automobile. I genitori avevano perso la vita nell’attacco, mentre i figli erano rimasti gravemente feriti. 

Domenica 4 ottobre, infine, un ragazzo di 19 anni, armato di coltello è stato ucciso dalle forze di sicurezza, dopo aver provato a uccidere un cittadino ebreo a Gerusalemme.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "La Russia nel Donbass sta commettendo un genocidio". Onu: quasi 4.000 le vittime civili
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "La Russia nel Donbass sta commettendo un genocidio". Onu: quasi 4.000 le vittime civili
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”