Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La storia di Ismail Ajjawi, il palestinese ammesso ad Harvard ma respinto dagli Usa per i post social dei suoi amici

Immagine di copertina

Un 17enne di origine palestinese è stato sottoposto a cinque ore di interrogatorio e al controllo di telefono e laptop, poi è stato rimandato in Libano

La storia di Ismail Ajjawi, il palestinese ammesso ad Harvard ma respinto dagli Usa

Il 17enne palestinese Ismail Ajjawi pensava di proseguire i suoi studi in una delle migliori università del mondo dopo essere stato ammesso ad Harvard: non poteva immaginare che sarebbe stato respinto alla frontiera dagli Usa.

Ismail era partito dal campo rifugiati in cui vive a Tiro, in Libano, per raggiungere gli Stati Uniti, ma è dovuto tornare indietro dopo una serie di lunghi controlli, al termine dei quali è stato respinto a causa di alcuni post e commenti pubblicati dai suoi amici sui social network.

La storia di Ismail Ajjawi è stata raccontata da The Harvard Crimson il quotidiano di Harvard, e poi ha fatto il giro del mondo, finendo sulle pagine del New York Times e – in Italia – sul Il Corriere della Sera.

Il 17enne è atterrato all’aeroporto internazionale Logan di Boston lo scorso 23 agosto, con un regolare visto di studio. A quel punto, ha risposto alle domande dei funzionari della Cbp (U.S. Customs and Border Protection, agenzia per la dogana e la protezione dei confini statunitense).

Durante l’interrogatorio, un agente ha iniziato a porre domande a Ismail sulla sua religione e le sue abitudini religiose in Libano. Poi, gli ha chiesto di controllare il telefono e il computer portatile.

“Trascorse le cinque ore, ha iniziato a urlarmi contro”, ha spiegato Ismail. “Sosteneva di aver trovato persone tra i miei contatti che avevano pubblicato post anti americani”.

Ismail ha raccontato a The Harvard Crimson di non avere “un singolo post” sulla sua bacheca che riguardi la politica, e di aver detto all’agente che non poteva essere chiamato a rispondere in prima persona per le opinioni e i post pubblicati da altri.

In totale, il ragazzo ha raccontato di aver aspettato ben 8 ore a Boston prima che il suo visto fosse annullato e – dopo una breve telefonata ai genitori – lui fosse rimandato indietro.

“I richiedenti devono dimostrare di essere ammissibili negli Stati Uniti superando tutti i motivi di inammissibilità inclusi motivi di salute, criminalità, sicurezza, incarico pubblico, certificazione del lavoro”, ha spiegato Michael S. McCarthy, portavoce dell’agenzia per la dogana e la protezione dei confini statunitense.

McCarthy ha confermato che la polizia di frontiera ha ritenuto Ismail non idoneo all’ingresso dopo “l’ispezione della Cbp (U.S. Customs and Border Protection)”.

A destare scalpore, nella storia di Ismail, è soprattutto la possibilità per gli agenti di frontiera di accedere agli account social delle persone sottoposte a controlli.

A partire da giugno, la pratica secondo la quale chi chiede un visto dovrebbe indicare i suoi profili social è diventata obbligatoria (prima era solo facoltativa) per chi fa richiesta di un permesso superiore di 3 mesi. Ma questo apre a possibili abusi da parte del Cbp, e alla possibilità che le persone arrivino al punto di censurare le proprie opinioni.

Nel caso dello studente, la questione è ancora più assurda, perché a fare da ostacolo sono state opinioni altrui.

Ad ogni modo, all’università di Harvard è cominciata una mobilitazione per ottenere che Ismail cominci le elezioni insieme agli altri studenti.

Jonathan L. Swain, portavoce dell’Ateneo, ha assicurato che “l’Università sta lavorando a stretto contatto con la famiglia dello studente e le autorità appropriate per risolvere la questione in modo che possa unirsi ai suoi compagni di classe nei prossimi giorni”.

Ma la data dell’inizio delle lezioni è ormai imminente, si partirà il 3 settembre e, per quel giorno, Ismail potrebbe non essere riuscito ancora a ottenere l’ok per il suo ingresso negli Usa.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Mamma vegana costringe il figlio a mangiare solo frutta e verdura cruda per 18 mesi: lui muore di fame
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Mamma vegana costringe il figlio a mangiare solo frutta e verdura cruda per 18 mesi: lui muore di fame
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraina, missili su palazzo a Odessa: salgono a 19 le vittime. Mosca: la Nato è tornata a logiche da guerra fredda
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera
Esteri / “Per noi è come una violenza sessuale”: a TPI parlano le donne americane a cui è stato tolto il diritto all’aborto
Esteri / Empowerment e agricoltura sostenibile: così le donne rivendicano i propri diritti nella Striscia di Gaza
Esteri / Putin: “Truppe Nato in Finlandia e Svezia? Risponderemo”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia annuncia il ritiro dall'Isola dei Serpenti. Biden: sosterremo Kiev fino alla fine