Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Se sei musulmana non ti posso servire una Coca Cola

Immagine di copertina

Una donna musulmana, a bordo di un volo della United Airlines, si è vista negare una lattina di Coca Cola chiusa, per la paura che potesse usarla come arma

Con la motivazione che “avrebbe potuto usarla come arma”, una donna musulmana che viaggiava su un volo della United Airlines si è vista negare una lattina di Coca Cola chiusa, nonostante avesse chiesto che le venisse servita ancora sigillata per motivi igienici.

La protagonista dell’episodio si chiama Tahera Ahmad ed è la direttrice di un corso alla Northwestern University, a Chicago. Il 26 maggio stava volando da Chicago a Washington per partecipare a una conferenza.

L’episodio, secondo Ahmad, è un caso lampante di islamofobia. L’hostess infatti aveva appena servito una birra in lattina non ancora aperta all’uomo seduto accanto a lei.

La donna si è subito sfogata scrivendo un post su Facebook, diventato presto virale e condiviso da migliaia di persone. Alcuni attivisti musulmani hanno definito l’episodio un “ingiustificabile esempio di bigotteria” e hanno proposto di boicottare la compagnia aerea.

Nel suo sfogo, Ahmad dice che l’hostess aveva un atteggiamento “chiaramente discriminatorio”. Dopo averle detto: “Non vuoi la lattina aperta? Allora niente Coca Cola per te”, l’hostess ha aggiunto: “Non siamo autorizzati a dare lattine ancora chiuse, perché potrebbero essere usate come arma”.

La situazione è peggiorata quando Ahmad si è rivolta agli altri passeggeri, sperando mostrassero solidarietà. Un uomo seduto vicino le ha detto: “Tu sei musulmana, quindi stai zitta. Sappiamo che la useresti come un’arma, quindi tappati quella c*** di bocca”.

Ahmad ha ricevuto in seguito le scuse della compagnia aerea e dell’hostess, che ha ammesso di essersi comportata in modo poco professionale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Viaggio a Suwałki: “Il posto più pericoloso del mondo”. Il reportage di TPI
Cronaca / Vertice Nato a Madrid, Biden: “Più truppe in Italia e Germania”
Esteri / La super-testimone mette nei guai Trump: “Voleva andare a Capitol Hill e unirsi alla folla armata”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Viaggio a Suwałki: “Il posto più pericoloso del mondo”. Il reportage di TPI
Cronaca / Vertice Nato a Madrid, Biden: “Più truppe in Italia e Germania”
Esteri / La super-testimone mette nei guai Trump: “Voleva andare a Capitol Hill e unirsi alla folla armata”
Esteri / Usa, Instagram e Facebook rimuovono post che promuovono le pillole abortive
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: "Adesione di Svezia e Finlandia alla Nato è destabilizzante"
Esteri / Usa, un giudice della Louisiana ferma il divieto di aborto: “Le interruzioni riprendano subito”
Esteri / Raid russo sul centro commerciale di Kremenchuk: le impressionanti immagini dell'attacco
Esteri / Madagascar, viaggio di nozze da incubo: “Nostra figlia è grave e nessuno ci aiuta. Fateci tornare”
Esteri / Sposa una bambola di pezza: matrimonio con 250 invitati e viaggio di nozze
Esteri / Zambia, acque infestate da vermi che depongono le uova nel corpo delle donne con conseguenze mortali