Se sei musulmana non ti posso servire una Coca Cola

Una donna musulmana, a bordo di un volo della United Airlines, si è vista negare una lattina di Coca Cola chiusa, per la paura che potesse usarla come arma

Di TPI
Pubblicato il 1 Giu. 2015 alle 09:59 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:02
0
Immagine di copertina

Con la motivazione che “avrebbe potuto usarla come arma”, una donna musulmana che viaggiava su un volo della United Airlines si è vista negare una lattina di Coca Cola chiusa, nonostante avesse chiesto che le venisse servita ancora sigillata per motivi igienici.

La protagonista dell’episodio si chiama Tahera Ahmad ed è la direttrice di un corso alla Northwestern University, a Chicago. Il 26 maggio stava volando da Chicago a Washington per partecipare a una conferenza.

L’episodio, secondo Ahmad, è un caso lampante di islamofobia. L’hostess infatti aveva appena servito una birra in lattina non ancora aperta all’uomo seduto accanto a lei.

La donna si è subito sfogata scrivendo un post su Facebook, diventato presto virale e condiviso da migliaia di persone. Alcuni attivisti musulmani hanno definito l’episodio un “ingiustificabile esempio di bigotteria” e hanno proposto di boicottare la compagnia aerea.

Nel suo sfogo, Ahmad dice che l’hostess aveva un atteggiamento “chiaramente discriminatorio”. Dopo averle detto: “Non vuoi la lattina aperta? Allora niente Coca Cola per te”, l’hostess ha aggiunto: “Non siamo autorizzati a dare lattine ancora chiuse, perché potrebbero essere usate come arma”.

La situazione è peggiorata quando Ahmad si è rivolta agli altri passeggeri, sperando mostrassero solidarietà. Un uomo seduto vicino le ha detto: “Tu sei musulmana, quindi stai zitta. Sappiamo che la useresti come un’arma, quindi tappati quella c*** di bocca”.

Ahmad ha ricevuto in seguito le scuse della compagnia aerea e dell’hostess, che ha ammesso di essersi comportata in modo poco professionale.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.