Covid ultime 24h
casi +20.648
deceduti +541
tamponi +176.934
terapie intensive -9

Il partito nazionalista in Irlanda del Nord vuole un referendum per lasciare il Regno Unito

Michelle O'Neill, leader di Sinn Fein, è a favore dell'annessione alla Repubblica d'Irlanda soprattutto in vista degli effetti della Brexit

Di TPI
Pubblicato il 13 Mar. 2017 alle 18:43 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 22:39
0
Immagine di copertina

Il partito nazionalista dell’Irlanda del Nord Sinn Fein ha comunicato il 13 marzo di voler promuovere un referendum sulla secessione dal Regno Unito. L’annuncio arriva poche ore dopo che la premier Nicola Sturgeon ha deciso una seconda votazione per l’indipendenza della Scozia.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Sinn Fein è a favore dell’annessione dell’Irlanda del Nord alla Repubblica di Irlanda dopo che la popolazione del Regno Unito si è pronunciata a favore della Brexit nel giugno del 2016. In quell’occasione la maggior parte degli elettori nordirlandesi aveva votato per il remain.

Il segretario di Sato James Brokenshire nel luglio 2016 aveva escluso la possibilità di andare alle urne. Secondo i sondaggi, solo il 22 per cento su mille votanti intervistati si è dichiarato a favore di un’Irlanda unita. 

La prospettiva della realizzazione della Brexit potrebbe però cambiare l’orientamento dell’elettorato. “La Brexit sarà un disastro per l’economia e un disastro per il popolo irlandese. Un referendum sull’unità irlandese deve essere indetto il più presto possibile”, ha detto Michelle O’Neill, leader di Sinn Fein. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.