Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Migliaia di persone in piazza a Baghdad per chiedere un rimpasto del governo in Iraq

Immagine di copertina

I seguaci del leader sciita al Sadr hanno manifestato dopo che il parlamento aveva bocciato la proposta di sostituire i ministri, poi approvata con un passo indietro

Migliaia di sostenitori del leader religioso sciita Moqtada al-Sadr hanno manifestato il 26 aprile a Baghdad contro il governo iracheno, chiedendo al primo ministro Haider al-Abadi di rimuovere gli attuali ministri, espressione dei partiti, per sostituirli con esponenti tecnici.

Lo stesso giorno, il parlamento ha deciso di scendere a compromessi, accettando, dopo averlo respinto, un parziale rimpasto del governo.

Un radicato sistema di clientele politiche presente in Iraq ha favorito la corruzione e contribuito a esaurire le risorse del governo, in un momento in cui quest’ultimo è impegnato a fronteggiare le forti spese dovute alla guerra contro l’Isis e la diminuzione delle entrate dovute al calo del prezzo del petrolio.

Per questa ragione, numerosi parlamentari hanno deciso di accordarsi per creare una nuova squadra di governo fatta da tecnici, estranei al mondo politico, in modo da riuscire a fronteggiare con più efficacia questi problemi.

Tuttavia, il parlamento ha deciso inizialmente di bloccare questo proposito, causando una crisi politica molto grave che ha contribuito a portare migliaia di persone in piazza a Baghdad.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”
Esteri / Pena di morte in Usa, boia non trova la vena dopo 8 tentativi: stop all’esecuzione