Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Iran, noto regista ucciso e fatto a pezzi dai suoi genitori. Il padre: “Non mi pento di nulla”

Immagine di copertina

Iran: noto regista drogato, ucciso e smembrato dai suoi genitori

Delitto shock in Iran dove un noto regista, Babak Khorramdin, è stato prima droga e successivamente ucciso e smembrato dai suoi genitori, che poi hanno gettato il cadavere in un cassonetto dei rifiuti.

La vicenda, che ha sconvolto il Paese, è stata riportata dai principali media nazionali e internazionali. Secondo quanto ricostruito, Babak Khorramdin, regista 47enne dedito da alcuni anni all’insegnamento, è stato assassinato lo scorso venerdì 21 maggio.

A provocare la furia omicida dei suoi genitori il fatto che l’uomo frequentasse diverse sue studentesse. La vicenda ha avuto inizio quando per caso sono stati ritrovati una valigia e alcuni sacchi della spazzatura con i pezzi del cadavere dell’uomo, che erano stati gettati in un bidone Ekbatan, un sobborgo di Teheran.

Una volta identificato il cadavere, la polizia si è recata nell’abitazione dei suo genitori, Iran Khorramdin, 74 anni, e Akbar Khorramdin, di 81, con la coppia che in breve tempo ha confessato il delitto.

“Era venerdì sera quando sua madre ha cucinato il pollo e lo ha infarcito di sonnifero per fargli perdere i sensi – ha raccontato il padre del regista – Lui però non l’ha mangiato ed è andato a dormire, così abbiamo messo il cibo in frigo. Il giorno dopo si è svegliato e l’ha mangiato”.

Una volta persi i sensi, la coppia ha legato il figlio a una sedia, gli hanno messo un sacchetto di plastica in testa e pugnalato più volte. Dopodiché hanno smembrato il corpo nel bagno e infine gettato i resti nel bidone della spazzatura.

Non solo. Nel corso dell’interrogatorio i due hanno anche confessato di aver ucciso la figlia diversi anni fa perché si drogava e il loro genero perché era un uomo violento.

“Non mi pento di quello che ho fatto con la collaborazione di mia moglie. Erano corrotti e ringrazio Dio” ha dichiarato il padre della vittima durante l’udienza in tribunale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / Ambiente, lavoro, giovani e cannabis legale: la Germania prepara la rivoluzione culturale che investirà l’Europa
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / Ambiente, lavoro, giovani e cannabis legale: la Germania prepara la rivoluzione culturale che investirà l’Europa
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Esteri / Un quiz per scoprire quanto ne sai sull’Hiv (e smontare le false credenze)
Esteri / India, i bambini muoiono per lo smog. Un decesso su dieci sotto i cinque anni è per l’inquinamento
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale