Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Iran, Ahmadinejad va pazzo per Clubhouse: “Senza censura tutti nelle ‘stanze’ dell’ex presidente”

Immagine di copertina

In Iran l’ultima novità della Silicon Valley, il social network Clubhouse, è diventata una delle poche piattaforme non controllate dal regime, che consente a politici in esilio e cittadini di confrontarsi sui temi più scottanti.

A sbarcare sull’app per smartphone composta da stanze “virtuali” anche l’ex presidente Mahmoud Ahmadinejad, che ormai ne è diventato un utente assiduo. Il ricercatore iraniano Siavush Randjbar-Daemi ha raccontato su La Stampa che lunedì sera nella “stanza” di Ahmadinejad c’erano ottomila persone. Diverse altre migliaia si sono dovute accodare in stanze parallele che fungono da “ripetitrici”.

Al centro del dibattito, durato circa quattro ore, Ahmadinejad ha parlato di tutto: dalla foto con l’ex leader del Ku Klux Klan David Duke a Teheran nel 2006 (“me lo hanno messo vicino, non sapevo chi fosse”, ha detto l’ex presidente), alle elezioni presidenziali del prossimo 18 giugno, a cui non parteciperà dopo la seconda sospensione consecutiva da parte del Consiglio dei Guardiani.

Ma Clubhouse è diventato una valvola di sfogo non solo per l’ex presidente: l’intera società ha imparato a utilizzarlo dopo l’anno di pandemia che ha vietato gli incontri in presenza, in un Paese in cui la tv di stato non trasmette dibattiti o talk show.

Si parla di diritti umani, di incontri romantici, di criptovalute, del governo di Rouhani e di letteratura. “Non c’è argomento che non sia all’ordine del giorno nella miriade di stanze a ogni ora”, scrive Randjbar-Daemi.

E così Clubhouse è diventato anche il luogo in cui i candidati alle prossime elezioni fanno campagna elettorale in un momento in cui gli spostamenti e i comizi dal vivo sono vietati per evitare l’insorgere della quinta ondata di Covid.

Lo usano il candidato Abdolnasser Hennati, governatore uscente della banca centrale, che ha messo il suo forum su Clubhouse al centro dello spot elettorale (censurato sui media di stato), e Mohsen Mehralizadeh, il riformista ex governatore della provincia di Isfaha, che martedì sera ha annunciato l’intenzione di dar vita al “terzo governo di Mohammed Khatami”, di cui è stato già vice presidente dal 2001 al 2005, ma che ora vive ai margini della vita politica del Paese.

Non tutti i candidati sono Clubhouse, ma chi ne fa un uso quotidiano spera che lo Stato non decida di oscurare anche questo social network, dopo aver bannato Facebook, Twitter e Youtube.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron