Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un’interprete è stata violentata nella “Giungla” di Calais in Francia

Immagine di copertina

La donna stava accompagnando una troupe giornalistica quando si sono avvicinati tre migranti che li hanno minacciati con un coltello e aggrediti

Una donna afghana di 38 anni, interprete di pashtun (lingua parlata dall’omonimo gruppo etnico in alcune aree dell’Afghanistan e del Pakistan), che accompagnava un giornalista nella “Giungla” di Calais, è stata violentata nella notte tra lunedì e martedì 18 ottobre nel campo profughi francese che si affaccia sullo stretto della Manica.

La troupe si era addentrata nel campo profughi che si affaccia sullo stretto della Manica per un reportage alla tv France 5. 

Intorno alle due di notte tre migranti si sono avvicinati alla troupe che si era addentrata nella Giungla per realizzare un reportage per la tv France 5 e hanno tentato di rubare la loro strumentazione televisiva, poi uno degli aggressori ha violentato l’interprete minacciandola con un coltello, mentre la giornalista e l’operatore venivano tenuti a distanza anche loro sotto minaccia di un’arma.

I tre aggressori sono ancora ricercati.

Il reportage che i giornalisti di tv France 5 stavano preparando è sui minori non accompagnati che vivono da soli nel campo di Calais, circa 1.300 tra bambini e ragazzi, che rappresentano fino a un quinto dei migranti ammassati nell’area.

Intanto il tribunale amministrativo di Lille ha dato il proprio via libera all’evacuazione, respingendo il ricorso presentato dalle associazioni umanitarie. A fine settembre era stato lo stesso presidente francese Francois Hollande a promettere il completo smantellamento.

Nella “Giungla” di Calais vivono tra i 6mila e i 10mila profughi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”