Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’insulto di Duterte a Obama sta mettendo a rischio l’economia filippina

Immagine di copertina

Secondo quanto riferisce l’agenzia Bloomberg, gli epiteti recentemente utilizzati dal presidente filippino Rodrigo Duterte potrebbero costare molto caro al suo paese

Le parole sono importanti, tanto più se a pronunciarle è un
capo di stato. Secondo quanto riferisce l’agenzia Bloomberg, infatti, gli
epiteti recentemente utilizzati dal presidente filippino Rodrigo Duterte nei
confronti del suo collega statunitense Barack Obama potrebbero costare molto
caro al suo paese.

Era infatti il 5 settembre quando il presidente Duterte usò
il termine “figlio di puttana” per definire Obama, causando innanzitutto l’annullamento
dell’incontro che si sarebbe dovuto svolgere tra i due il giorno seguente.

Duterte stava rispondendo alla promessa del presidente degli
Stati Uniti di sollevare la questione delle esecuzioni extragiudiziali legate
alla droga nelle Filippine, che hanno finora portato all’uccisione di 2.400
presunti spacciatori e consumatori nel paese da quando Duterte è salito al
potere. 

Obama si andava quindi ad aggiungere alla lunga lista di personalità
di spicco insultate da Duterte, come ad esempio papa Francesco, anch’egli
chiamato “figlio di puttana”, il segretario di stato Usa John Kerry,
definito “pazzo”, o l’ambasciatore statunitense nelle filippine,
chiamato “figlio gay di una puttana”.

Ora però questo comportamento quantomeno imprudente sta
dando i suoi risultati, in senso finora decisamente negativo per l’economia del
paese: l’indice della Borsa filippina è sceso dell’1,3 per cento, il suo
peggior calo nel corso di cinque settimane, e da fine luglio il calo
complessivo è stato del 6 per cento. In questi giorni sono stati infatti
ritirati fondi esteri per 58 milioni di dollari dai titoli azionari locali, un
esempio in controtendenza assoluta rispetto agli altri mercati asiatici.

“L’ultimo incidente solleva la preoccupazione che il
comportamento imprevedibile del Presidente Duterte in politica sarà dirompente
e potrebbe in futuro influire sull’economia e il mercato”, ha dichiarato
Jonathan Ravelas della BDO Unibank, la più grande banca delle Filippine.

Anche l’Investors Service dell’agenzia di rating Moody’s ha
rilasciato una dichiarazione mercoledì 7 settembre, dicendo: “Se i recenti
eventi porteranno a una prolungata incertezza riguardo alla sicurezza del paese
e alla politica economica, questo potrebbe smorzare la fiducia delle imprese e,
di conseguenza, i risultati economici”.

Questo un grafico di Bloomberg sull’andamento della borsa filippina:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg