Coronavirus:
positivi 36.976
deceduti 33.774
guariti 163.781

Tutte le iniziative a sostegno del popolo curdo in Italia per fermare la guerra in Siria

Di Laura Melissari
Pubblicato il 14 Ott. 2019 alle 09:11 Aggiornato il 10 Gen. 2020 alle 20:13
109
Immagine di copertina

Tutte le iniziative a sostegno del popolo curdo in Italia per fermare la guerra in Siria

Nel nord della Siria si combatte da ormai quattro giorni, dopo l’inizio dell’offensiva turca di Erdogan contro i territori curdi. Le donne del Rojava hanno lanciato un appello a tutti i “popoli che amano la libertà”, per una mobilitazione internazionale a sostegno della causa curda, contro il genocidio iniziato dalla Turchia.

Fiaccolate e altre iniziative a sostegno del popolo curdo sono in programma in tutta Italia nei prossimi giorni.

Ecco tutti gli eventi e gli appuntamenti per il popolo curdo:

Viareggio – 15 ottobre ore 19.30

Empoli – Fiaccolata organizzata dal Pd area Empolese Valdelsa (Qui le info)

Roma – 15 ottobre ore 19.30 Pantheon, evento organizzato da Pd, Articolo 1, Siamo Europei, +Europa e Italia Viva (Qui i dettagli)

Milano – Manifestazione a Milano davanti al consolato turco lunedì 14 ottobre 2019, in via Antonio Canova 36. Un sit-in a cui hanno aderito decine di sigle politiche, sindacali e di associazioni. “Fermatevi. Milano al fianco del popolo curdo”. (Qui le info)

Padova – Presidio per il popolo curdo a Piazza Antenore alle ore 18 (Qui l’evento)

Il Pd è in prima linea per il popolo curdo. “Fermiamoli. Stop alla guerra. Solidarietà con il popolo curdo”, si legge nell’appello. “L’offensiva turca contro il Kurdistan siriano è inaccettabile e rischia di far precipitare la Siria in una nuova spirale di violenze, insicurezza e distruzione che sta già causando i primi morti e migliaia di profughi. I curdi in questi anni sono stati una delle forze sul campo che hanno fermato e sconfitto Daesh e hanno stabilizzato e pacificato il nord-est della Siria. Un attacco ingiustificato contro di loro è inconcepibile e va fermato. In gioco non c’è solo il futuro di un paese, la Siria, che ha già sofferto troppo, c’è anche la stabilità della regione e la lotta contro il terrorismo di Daesh”, proseguono. Di qui l’invito: “Scendiamo in piazza al fianco del popolo curdo per dire no alla guerra e per chiedere che l’Italia, insieme agli alleati europei, faccia il possibile nelle sedi europee, NATO e ONU per fermare questa invasione, evitare il disastro umanitario e i rischi di sicurezza”, si dice, mobilitando le iniziative a sostegno del popolo curdo.

A questo link la copertura completa di TPI dell’offensiva militare turca nel nord est della Siria per rimanere aggiornato

Qui il diario di Benedetta Argentieri dal Kurdistan

109
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.