Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Indonesia ha sospeso la cooperazione militare con l’Australia

Immagine di copertina

Il motivo dell'interruzione sarebbero alcuni materiali utilizzati per le esercitazioni militari congiunte e ritenuti offensivi

L’Indonesia ha sospeso ogni tipo di cooperazione militare con l’Australia. La decisione è stata presa a dicembre, ma la notizia è emersa solo mercoledì 4 gennaio 2017.

Il portavoce dell’esercito indonesiano maggior generale Wuryanto ha riferito che la sospensione della collaborazione ha avuto un impatto su una vasta serie di attività, incluse le esercitazioni congiunte. 

I funzionari della Difesa australiana hanno confermato che l’Indonesia ha temporaneamente interrotto la cooperazione militare a causa di alcuni “materiali d’insegnamento”.

Secondo quanto emerge, i documenti in questione, rinvenuti in una base militare nello stato del Western Australia, sono stati ritenuti offensivi nei confronti dei principi fondamentali dello stato indonesiano.

L’ufficio della presidenza indonesiana ha reso noto che la decisione non è stata presa e nemmeno discusa col presidente Joko Widodo.

La collaborazione militare tra Indonesia e Australia

Indonesia e Australia collaborano in materia di difesa e sicurezza su diversi livelli, dalle esercitazioni congiunte, all’antiterrorismo, al controllo delle frontiere.

In passato ci sono già stati però motivi di tensione.

Nel 1999 Canberra sospese le esercitazioni militari con le forze speciali indonesiane dell’unità Kopassus accusandola di abusi a Timor Est.

Dopo il duplice attacco terroristico di Bali nel 2002, nel quale persero la vita 202 persone inclusi 88 cittadini australiani, Australia e Indonesia ripresero a collaborare in materia di sicurezza.

Nel 2013, tuttavia, emerse che l’Australia aveva spiato le telefonate private dell’allora presidente Susilo Bambang e della moglie, causando sconcerto e indignazione a Giacarta.

Nel 2015 di nuovo i rapporti divennero tesi quando l’Indonesia giustiziò due trafficanti di droga di nazionalità australiana, ma anche per via delle critiche mosse da Giacarta nei confronti della severa politica australiana di protezione delle frontiere.

Tuttavia nel tardo 2016 si sono tenute esercitazioni militari congiunte nella città di Darwin, in territorio australiano e più tardi si è cominciato a parlare di pattugliamenti congiunti nel Mar cinese meridionale.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Elon Musk: “Entro sei mesi il chip di Neuralink nel cervello di un essere umano”
Esteri / Minacce di morte a Megan Markle: cosa è successo alla moglie di Harry
Esteri / Genitori No vax bloccano l’operazione che può salvare la vita del figlio: “Non vogliamo sangue di vaccinati”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Elon Musk: “Entro sei mesi il chip di Neuralink nel cervello di un essere umano”
Esteri / Minacce di morte a Megan Markle: cosa è successo alla moglie di Harry
Esteri / Genitori No vax bloccano l’operazione che può salvare la vita del figlio: “Non vogliamo sangue di vaccinati”
Esteri / Il leader ceceno Kadyrov risponde al Papa: “Vergognoso, è rimasto vittima della propaganda”
Esteri / Monaci positivi al test antidroga: chiuso un tempio buddhista
Esteri / Chi era la 16enne iraniana uccisa perché indossava un cappello da baseball al posto del velo
Esteri / Singapore, abrogata la legge che puniva sesso gay: risaliva all’epoca coloniale
Esteri / Per 11 giorni aggrappati al timone di una petroliera: tre migranti sopravvivono alla traversata dalla Nigeria alle Canarie
Esteri / L’allarme di Kiev: “Navi russe con 84 missili nel Mar Nero e nel Mediterraneo”
Esteri / Qatar, un alto dirigente ammette che i lavoratori morti per preparare i Mondiali sono stati “tra i 400 e i 500”