Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan

Immagine di copertina
Immagine di archivio. Credit: ansa foto

Funzionari dell’intelligence indiana anti-contrabbando hanno sequestrato quasi tre tonnellate di eroina in un porto dello stato di Gujarat, in India. Secondo quanto riferito, il totale degli stupefacenti sequestrati ammontava a un valore di circa 2,7 miliardi di dollari. Ma la cifra è ancora orientativa. Per il sequestro sono state arrestate due persone, ma il numero degli indagati è ancora imprecisato. La partita di droga sarebbe stata inviata da Kandhar, in Afghanistan, paese ormai sotto il dominio talebano, tra il 13 e il 14 settembre scorso.

L’intelligence ha anche rivelato che la spedizione era stata importata da una società nella città meridionale di Vijaywada. I funzionari hanno affermato che le ricerche sono state condotte in diverse città dell’India, tra cui la capitale, Delhi, Ahmedabad e Chennai.”Le indagini condotte finora hanno rivelato anche il coinvolgimento di cittadini afghani, che sono sotto inchiesta”, ha detto l’agenzia.

La maggior parte dell’oppio prodotto in Afghanistan proviene dalle province di Kandahar e Helmand, di cui Helmand è il principale produttore. Delle 5.300 tonnellate di oppio prodotte in Afghanistan, 2.700 tonnellate vengono trasformate in eroina. Nel 2008, quasi la metà dell’eroina prodotta è stata utilizzata in Iran.

Afghanistan e Sud Est asiatico sono i motori del traffico mondiale dell’eroina. La cocaina è invece appannaggio del Centro e Sud America. Dal solo Afghanistan proviene l’85% dell’oppio consumato nel mondo e i proventi della coltivazione valgono la metà dell’intero Prodotto interno lordo del Paese, ossia una decina di miliardi di dollari. Quasi 600mila afgani sono occupati in questo settore e si stimano in 2 milioni le persone che sopravvivono grazie a queste coltivazioni. Nell’ultimo anno i campi di papaveri afgani sono aumentati del 37% raggiungendo una superficie di 224mila ettari, suddivisi in 21 delle 34 province del paese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa