Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Ecco come l’India ha deciso di fermare chi defeca in pubblico

Immagine di copertina

Urinare e defecare in strada è un'abitudine piuttosto diffusa in India. Le conseguenze vanno dalla diffusione della diarrea all'alto tasso di aggressioni contro le donne

In India esiste un problema piuttosto peculiare che affligge la società sotto diversi punti di vista e non solo, come si potrebbe pensare, per ragioni di decoro: l’abitudine a urinare e defecare in pubblico.

Per quanto possa sembrare sorprendente, nella cultura indiana espletare le proprie funzioni corporali per strada è una pratica piuttosto diffusa soprattutto nelle zone rurali, ma non è sconosciuta nemmeno nei centri cittadini.

Le conseguenze vanno dall’alto tasso di decessi legati alla diarrea tra i bambini all’incidenza di crimini contro le donne che, per pudore, si appartano la mattina presto o la sera tardi correndo il rischio di imbattersi in aggressori e predatori sessuali.

Circa la questione sanitaria, quasi 190mila bambini al di sotto dei cinque anni muoiono ogni anno a causa delle conseguenze della diarrea, che li disidrata rendendoli più vulnerabili alla malnutrizione, ne indebolisce il sistema immunitario e li espone al rischio di contrarre poliomielite e polmonite.

Per quanto riguarda la correlazione tra stupri e espletamento delle funzioni corporali all’aperto, secondo quanto dichiarato dalla polizia dello stato orientale di Bihar, circa 400 violenze sessuali sarebbero potute essere evitate se le donne aggredite avessero avuto un bagno in casa.

La questione è talmente importante che il primo ministro Narendra Modi l’ha messa in agenda con l’obiettivo di sradicare la defecazione in pubblico entro ottobre 2019, adottando un programma, India pulita, che ha installato oltre 25 milioni di toilette in tutto il paese.

Ma la campagna punta anche a educare la cittadinanza o quanto meno a indurla a una vergogna tale da abbandonare questa singolare abitudine.

In questo senso, l’iniziativa più drastica l’ha presa il comune di Delhi, il quale ha annunciato il dispiegamento di 28 vistose mascotte che avranno l’incarico precipuo di dare la caccia a quanti urinano e defecano in pubblico, specialmente nei quartieri più ricchi, e interromperli a suon di fischietto indicandogli il più vicino bagno pubblico.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ciao, ho 30 anni e sono il problema
Esteri / Hamas: "La guerra non è l'ultimo round contro Israele". Anera riprende le attività a Gaza
Esteri / Vaccini, l’Europarlamento boccia la proposta di creare il “Cern della Salute” per tutelare l’interesse pubblico
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ciao, ho 30 anni e sono il problema
Esteri / Hamas: "La guerra non è l'ultimo round contro Israele". Anera riprende le attività a Gaza
Esteri / Vaccini, l’Europarlamento boccia la proposta di creare il “Cern della Salute” per tutelare l’interesse pubblico
Esteri / È morto O. J. Simpson, l'ex campione di football americano aveva 76 anni
Esteri / Di chi è il Medio Oriente? I limiti di Washington e il campo minato delle grandi potenze mondiali (di G. Gambino)
Esteri / Fonti intelligence: “Imminente l'attacco dell’Iran”. Biden assicura: “Proteggeremo Israele”. Wall Street Journal: “Si teme gran parte degli ostaggi a Gaza siano morti”
Esteri / Biden: “La politica di Netanyahu su Gaza è un errore. Israele accetti tregua unilaterale di sei-otto settimane". Cnn: "Hamas ha detto che non riesce a rintracciare 40 ostaggi per l’accordo”
Esteri / Clima, la CEDU condanna la Svizzera
Esteri / Isis minaccia attentati negli stadi durante i quarti di finale di Champions League
Esteri / Gaza: i morti salgono a 33.360, quasi 76mila i feriti. Scoppia la guerra commerciale tra Ankara e Tel Aviv. Borrell: "Non esiste una soluzione militare". Iran, la Marina Pasdaran: "La presenza di Israele negli Emirati Arabi è una minaccia"