Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Giappone, brucia uno studio di animazione a Kyoto: i morti sono 33

Immagine di copertina
L'incendio alla Kyoto Animation (Foto Twitter)

Il rogo sarebbe doloso: arrestato un uomo

Incendio in Giappone, brucia uno studio di animazione a Kyoto

Incendio in Giappone in studio di animazione a Kyoto. Alcune persone sono morte e decine sono rimaste ferite. Il bilancio provvisorio riferisce di almeno 33 morti e decine di feriti. E tra i feriti, anche persone in gravissime condizioni. Il bilancio delle vittime potrebbe, quindi, aggravarsi col passare delle ore.

Un inferno di fuoco che ha distrutto un’intera area di un edificio. La polizia locale riferisce che molti corpi sono stai trovati al secondo piano del palazzo. E potrebbe esserci un gesto volontario dietro il rogo. Almeno, stando a quanto riferito da alcune televisioni locali, pochi minuti dopo lo scoppio dell’incendio.

I soccorritori hanno allestito una tenda fuori dall’edificio per fornire assistenza ed accogliere le persone presenti al momento dell’incendio, una settantina in tutto, uscite in un fuggi fuggi generale. I vicini hanno sentito una serie di esplosioni seguite da potenti fiammate.

Incendio in Giappone, arrestato un uomo

Un uomo, infatti, è stato arrestato perché sospettato di aver intenzionalmente appiccato il fuoco. Il 41enne avrebbe fatto irruzione nell’edificio e sparso del liquido infiammabile per innescare l’incendio. Lo hanno riferito alla stampa locale i Vigili del fuoco, prontamente intervenuti sul posto.

Ci sono volute diverse ore per riuscire a domare le fiamme. Ignoti ancora i motivi del gesto. L’identità del sospettato non è ancora nota.

Le fiamme hanno completamente distrutto gli studi della Kyoto Animation, una importante casa di produzione di ‘anime’ giapponesi. È stata fondata all’inizio degli anni 80, quando anche in Italia, grazie all’avvento delle televisioni private, si stavano diffondendo i cartoni animati giapponesi.

Oggi, la Kyoto Animation è considerata una tra le migliori case di produzione di anime al mondo per il suo eccezionale comparto tecnico. Tra gli anime più famosi prodotti negli ultimi anni “Full Metal Panic” e “La malinconia di Haruhi Suzumiya”.

Qui tutte le notizie sul Giappone
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”
Esteri / "Ha una protesi": il video che alimenta nuovi dubbi sullo stato di salute di Vladimir Putin
Esteri / Strage in Texas, il momento in cui il killer entra nella scuola elementare | VIDEO
Esteri / Stati Uniti, 18enne apre il fuoco in una scuola elementare: uccise 21 persone, tra cui 19 bambini
Esteri / Lo sfogo della rifugiata ucraina scappata con l’uomo che l’aveva accolta: “Non sono una sfasciafamiglie”
Esteri / Guerra in Ucraina, forze russe avanzano a est: “Sfondate difese ucraine nel Luhansk”. USA, stop all'esenzione: più vicino il default russo