Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Qual è l’impatto del porno sulla vostra vita di coppia

Immagine di copertina

Alcuni studi rivelano come le nostre relazioni di coppia possano essere negativamente influenzate da un consumo abituale di pornografia su internet

Secondo Sam Carr, assistente all’università di Bath, nel Regno Unito, l’industria della pornografia genera un profitto annuale pari a 13 miliardi l’anno, solo negli Stati Uniti. Nove ragazzi americani su dieci vengono esposti alla pornografia prima di compiere la maggiore età. E gli uomini hanno una tendenza enormemente più alta (543 per cento) rispetto alle donne di diventare utenti abituali dei siti porno. 

Alcune ricerche hanno rilevato come l’utilizzo dei siti pornografici abbia in realtà aspetti positivi, quali l’aumento della conoscenza in materia di sesso e una maggiore apertura negli atteggiamenti sessuali. Ma qual è la reale incidenza del porno sulle nostre relazioni di coppia? 

L’evidenza scientifica ha dimostrato come la pornografia su internet possa deformare le idee che abbiamo sul sesso e sulle relazioni. Esiste un forte legame tra il consumo di pornografia e i problemi che ne derivano nelle relazioni di coppia. L’utilizzo frequente dei siti porno è stato associato al rischio di separazione di coppia, a una diminuzione dell’intimità e della soddisfazione sessuale, una più alta percentuale di infedeltà e un atteggiamento compulsivo nei confronti dell’attività sessuale. 

Da cosa sono originati questi problemi di coppia derivanti dal consumo di pornografia? Secondo un professore di Harvard, lo psicologo Deirdre Barrett, la pornografia in rete è una versione di quello che gli scienziati chiamato “stimolo supernormale” (eccessivo), ovvero un’esagerazione artificiale dei fattori che ci stimolano sessualmente.

Come spiega Carr, questo fa sì che nel tempo si perda interesse verso gli stimoli che normalmente regolano la nostra vita sessuale. La pornografia in rete ci offre esperienze sessuali aumentate e la realtà virtuale, che offre infinite opzioni personalizzabili all’utente, risulta in alcuni casi maggiormente appetibile per chi ne fa uso, rispetto a un normale rapporto sessuale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini