Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:31
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il terrorismo intelligente

Immagine di copertina

Il terrorismo islamico arruola principalmente tra i giovani educati e integrati nella società

Una ricerca pubblicata la scorsa settimana dal Combating Terrorism Center (Cct) dell’accademia militare di West Point (Stati Uniti) rivela che i membri di Lashkar-e-Taiba, un gruppo terroristico tra i più pericolosi al mondo, hanno in media un’educazione migliore rispetto ai connazionali e sono ben integrati nella società pakistana, contraddicendo numerosi pregiudizi riguardo all’estrazione sociale di chi riempie le fila del terrorismo islamico.

Lashkar-e-Taiba è l’organizzazione responsabile dei sanguinosi attacchi di Mumbai nel 2008, quando un commando mise in atto dieci attentati in serie che arrivarono a uccidere più di 160 persone. La storia del gruppo ha controversi risvolti politici: secondo gli occidentali il servizio segreto pakistano, l’Isi, sta proteggendo i responsabili degli attentai di Mumbai. Più in generale, è stato accertato il coinvolgimento di agenti dell’Isi nell’addestramento e nel finanziamento dell’organizzazione nonostante essa sia stata dichiarata illegale dal Pakistan nel 2002.

Il rapporto analizza la storia personale di più di 900 militanti deceduti, scoprendo che il livello più comune di educazione raggiunto dai soggetti analizzati è di dieci anni, superiore all’educazione media di un maschio pakistano. Inoltre, la stessa educazione non è principalmente di tipo religioso, come potrebbero suggerire gli stereotipi tipici del terrorismo islamico. In media i combattenti hanno trascorso solo tre anni nelle madrasse (le scuole coraniche) e solo il 5 per cento di essi ha terminato studi religiosi formali. L’età media in cui una recluta entra nella formazione è poco meno di 17 anni mentre l’età media per la morte è di 21 anni. I giovani terroristi perciò restano solo 5,14 anni nell’organizzazione, prima di perdere la vita a malapena ventenni.

A spingere i ragazzi nelle braccia dell’organizzazione sono prevalentemente membri della famiglia ma più in generale, il responsabile è da identificare nella deprimente situazione economica in cui versa il Paese. Secondo uno studio del British Council, pubblicato la scorsa settimana, quasi il 100 per cento dei giovani pakistani nutrono pessimismo riguardo al loro futuro e credono che il Paese vada nella direzione sbagliata. Solo uno su cinque è convinto che la sua situazione economica migliorerà nel prossimo anno.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"