Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il telefono del bunker di Hitler venduto all’asta per quasi 230mila euro

Immagine di copertina

L'oggetto appartenuto al Fuhrer è stato descritto come uno degli oggetti più mortali al mondo

Il telefono con cui Hitler, rinchiuso nel bunker e con i sovietici e gli alleati ormai alle porte di Berlino, dava le sue ultime disperate indicazioni nel vano tentativo di ribaltare le battute finali del conflitto, è stato venduto all’asta il 19 febbraio scorso per 243mila dollari, cifra pari a poco meno di 230mila euro, dalla casa d’aste Alexander Historical Auctions di Chesapeake City, in Maryland.

Il telefono si presentava in origine come un tipico apparecchio rotativo Siemens degli anni Quaranta in colore nero, ma Adolf Hitler – che lo possedeva dal 1943 – lo aveva fatto dipingere di rosso e vi aveva fatto incidere il proprio nome e i simboli del Reich, la svastica e l’aquila. Quando nel maggio del 1945 i sovietici fecero il proprio ingresso nel bunker del fuhrer, tra le varie cose trovarono anche questo telefono, e lo donarono al militare inglese Ralph Rayner, che lo conservò nella propria casa di campagna.

A metterlo all’asta è stato proprio il figlio di Rayner, che ha ereditato il cimelio dal padre. Nel catalogo dell’asta, il telefono è stato descritto come “l’arma più distruttiva di tutti i tempi, che ha mandato a morte migliaia di persone”.

Non è noto il nome della persona che ha acquistato il prezioso telefono.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Ti potrebbe interessare
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Esteri / Reportage TPI: Belfast è lo specchio del conflitto in Medio Oriente
Esteri / L’eterno conflitto tra Israele e Palestina in Medio Oriente
Esteri / Nessuno vuole davvero scaricare Putin: il sospetto di Zelensky che spaventa gli Usa
Esteri / La macchina da guerra dell’intelligenza artificiale che ha aiutato Israele a distruggere Gaza
Esteri / Ilaria Salis è libera, tolto il braccialetto elettronico