Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il pianista del campo profughi

Immagine di copertina

Ha 26 anni e suona il pianoforte in mezzo alle macerie di un campo profughi palestinese in Siria, dove vivono 18mila persone

Ayham al-Ahmed ha 26 anni e una passione per la musica: gli piacciono Haydn e il jazz arabo. Suona il pianoforte e la fisarmonica. Suo padre Ahmed, che ha 62 anni, è un violinista cieco.

Da un po’ di tempo Ayham trasporta il suo vecchio pianoforte rovinato in mezzo alle strade di un campo profughi palestinese in Siria, a Yarmouk, dove vivono 18mila persone che fanno la fame.

Lì suona il piano per gli altri profughi, circondato dalle rovine. GUARDA IL VIDEO

Si ispira al film “Il pianista” del 2002, che racconta la storia di Wladyslaw Szpilman, un pianista polacco durante l’occupazione nazista di Varsavia.

Procurarsi cibo e acqua a Yarmouk era già difficile in passato, racconta Ayham, ma oggi è diventato quasi impossibile.

Circa 150 persone sono morte di fame nell’ultimo anno. Prima dell’inizio dell’assedio Ayham pesava 70 chili. Oggi ne pesa solo 45.

In passato, Ayham è stato anche minacciato: “Mi hanno intimorito dicendo che mi avrebbero spezzato le dita delle mani e per questo suono presto al mattino, quando loro (gli estremisti) ancora dormono.”

Secondo alcuni correnti di pensiero fondamentaliste, infatti, la musica è un prodotto del demonio e quindi va vietata. Poi gli estremisti si sono ritirati e Ayham ha potuto ricominciare a suonare.

Il campo profughi di Yarmouk, a sud di Damasco, è stato distrutto nei mesi scorsi dai bombardamenti delle forze governative siriane fedeli al presidente Bashar al-Assad e dagli scontri tra le diverse fazioni di combattenti presenti in Siria. Prima della guerra a Yarmouk vivevano circa 150mila persone.

La guerra civile in Siria va avanti da 3 anni. Più di 170mila persone sono morte dall’inizio del conflitto, 700 in un solo fine settimana lo scorso mese. Quasi 3 milioni i profughi (per saperne di più leggi l’articolo).

Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"