Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il disastro ambientale in Israele

Immagine di copertina

La rottura di un oleodotto nella riserva di Evrona, a sud di israele, ha causato la perdita di 3 milioni di litri di petrolio

La rottura di un oleodotto nella riserva naturale di Evrona, a sud di Israele, avvenuta nella notte del 3 dicembre durante lavori di manutenzione ha causato una perdita di tre milioni di litri di greggio.

La macchia di petrolio si è espansa per alcuni chilometri, causando quello che i media locali definiscono il disastro ambientale più grave della storia del Paese.

L’oleodotto collega il porto di Eilat, sul mar Rosso, con quello di Ashkelon, nel mar Mediterraneo. Fu costruito negli anni Settanta per facilitare gli scambi tra il golfo Persico e l’Europa. Dopo la rottura dei rapporti tra Israele e Iran nel 1979, l’oleodotto venne usato per il trasporto di petrolio in Israele.

In seguito all’incidente, tre persone sono state ricoverate dopo aver inalato il petrolio che si è riversato. La strada principale che dal centro del Paese porta a Eilat è stata chiusa. I media israeliani smentiscono che il petrolio sia arrivato nella confinante Cisgiordania.

L’entità effettiva della contamazione è ancora da valutare. Diversi ambientalisti hanno affermato che potrebbero volerci anni per ripristinare l’ecosistema, scrive Reuters. La riserva naturale di Evrona è uno dei parchi più importanti dell’area.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”
Esteri / Incendio in Spagna: migliaia di persone in fuga dalle fiamme vicino alla Costa del Sol